Tortorici: Beni confiscati per 9 milioni di euro al “re” dei videopoker di Siracusa

Ammonta a 9 milioni di euro il valore dei beni confiscati dalla Dia di Catania nei confronti di un imprenditore originario di Tortorici, GAETANO LIUZZO SCORPO. L’uomo, impegnato nel settore del noleggio di apparecchiature elettroniche per il gioco d’azzardo, è considerato appartenente al clan mafioso Trigila di Siracusa ed affiliato al clan mafioso catanese dei […]
Continua a leggere…

 

Acquedolci: Atti persecutori nei confronti dei genitori, arrestato un 42enne

Il giudice del tribunale di Patti ha convalidato l’arresto e disposto l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di M.C., 42 anni, di Acquedolci. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri della locale Stazione (foto in alto la caserma) con l’accusa di atti persecutori nei confronti dei genitori…
Continua a leggere…

 

S.Agata Militello: Mancata risposta alle interrogazioni, l’assessorato regionale richiama il sindaco Sottile

L’assessorato regionale delle Autonomie Locali e della funzione pubblica, con una nota (in alto) a firma del dott. VINCENZO REITANO, ha richiamato il sindaco di Sant’Agata Militello CARMELO SOTTILE per la mancata risposta ad una serie di interrogazione dei consiglieri (tra il 2016 e il 2017). Attesa una risposta entro dieci giorni, altrimenti arriverà un […]
Continua a leggere…

 

Op. “Affari di famiglia”: Sette condanne in appello, pene pesanti rispetto al primo grado

Sette condanne, ben più pesanti in riforma rispetto alla sentenza di primo grado (tribunale di Patti, 25 luglio 2016) ed una assoluzione, sono state emesse dalla Corte d’Appello di Messina a conclusione del processo di secondo grado scaturito dall’operazione “AFFARI DI FAMIGLIA”, la retata antidroga scattata sui Nebrodi il 6 giugno 2014 e con centro […]
Continua a leggere…

 

“Vostro figlio è vivo, mandate soldi”: Truffati 200.000 euro ai genitori di una vittima di lupara bianca. Arrestato un 44enne di Basicò

E’ una storia incredibile quella venuta oggi a galla attraverso l’arresto di FRANCESCO SIMONE, 44 anni, di Basicò, accusato di truffa aggravata. L’uomo, ammanettato dai carabinieri in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare spiccata dal Gip di Barcellona, è accusato di essersi fatto consegnare, nel tempo, 200.000 euro da una anziana coppia, genitori di […]
Continua a leggere…