Acquedolci: Si finse manager e truffò la titolare di un residence e due bodyguard, condannato un 41enne

Il giudice del tribunale di Patti MARIALUISA GULLINO ha condannato, a 1 anno e 2 mesi, GIORGIO COVATO (foto in basso), di Scicli, che si era finto un manager di spicco truffando la titolare di un residence di Acquedolci nel 2015 e due bodyguard i quali si sono costituiti parte civile con l’assistenza dell’avvocato ALESSANDRO NESPOLA…

Si era spacciato per manager di una importante compagnia petrolifera, presentandosi con false generalità, e per giorni aveva soggiornato in un residence ad Acquedolci nonché usufruendo dei servizi di due guardie del corpo locali, senza pagare alcun corrispettivo. Per questi fatti, risalenti al 2015, Giorgio Covato, 41 anni, di Scicli, è stato condannato a 1 anno e 2 mesi di reclusione dal giudice del tribunale di Patti Marialuisa Gullino. Nel suo soggiorno sui Nebrodi si era quindi fatto accompagnare in svariati locali nei quali aveva consumato cibi e bevande senza pagare, servendosi proprio del credito e delle garanzie dei due addetti alla sicurezza presso i proprietari dei locali. L’uomo, accusato anche di violazione di domicilio ai danni della proprietaria di una villetta nella zona del residence dove si era rifugiato poiché braccato dai bodyguard che avevano scoperto il raggiro, è stato inoltre condannato anche al risarcimento delle spese processuali ed al risarcimento dei danni nei confronti delle parti civili costituite, da liquidarsi in separata sede. I due bodyguard erano costituiti parte civile rappresentati dall’avvocato Alessandro Nespola.

         g.l.

Edited by, venerdì 8 ottobre 2021, ore 10,33. 

 

(Visited 952 times, 1 visits today)