Barcellona P.G.: Le quattro rapine del 2 febbraio. Sono tre gli arrestati

La Polizia di Stato ha arrestato i tre componenti di una banda di rapinatori che, nel pomeriggio dello scorso 2 febbraio, avevano messo a segno ben quattro rapine in provincia ai danni di supermercati (due a Barcellona, uno a Furnari e l’ultimo a Torregrotta). Ad incastrarli le indagini dei poliziotti del Commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto (foto in alto)…

Quattro rapine, due consumate e due tentate, perpetrate nella stessa giornata a distanza di mezz’ora l’una dell’altra da tre individui: avveniva lo scorso 2 febbraio. A finire nel mirino della banda quattro supermercati della provincia: due di Barcellona Pozzo di Gotto, uno di Furnari, l’ultimo di Torregrotta. Stesso il copione e medesimi i ruoli dei complici. Uno, l’esecutore materiale, irrompeva a volto scoperto abbigliato sempre allo stesso modo con una pistola con la quale minacciava gli venisse consegnato il denaro in cassa. Gli altri stavano ad attenderlo fuori su un’Alfa Romeo 147 grigia per agevolargli la fuga e passare velocemente all’obiettivo successivo. Due colpi non andavano a buon fine per semplice casualità, lo svenimento della cassiera, in un caso, la prontezza di alcuni commessi, in un altro. Immediate le indagini dei poliziotti del Commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto al comando del dirigente, il vice questore aggiunto Antonio Rugolo, che coordinati dalla locale Procura, ricostruiscono nel dettaglio quanto accaduto nel pomeriggio di quel giorno.

Il dirigente del Commissariato di Barcellona Antonio Rugolo

Si acquisiscono le immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti nei luoghi, si ascoltano vittime e testimoni, si intensificano i controlli sul territorio alla ricerca dell’autovettura in uso ai tre criminali. La si individua a distanza di quattro giorni ferma su una pubblica via della città del Longano. Stesso modello, stessa targa, stesso colore, stesse peculiarità evidenziate dall’attenta visione delle registrazioni. Si risale al proprietario già sospettato insieme agli altri autori dagli investigatori che, messo alle strette, racconta tutto. A riscontro della sua narrazione si analizzano i tabulati telefonici dei cellulari dei membri del gruppo oltre che le celle agganciate da quelle utenze. Massimo Cuttone, barcellonese di 24 anni, proprietario della macchina è colui addetto alla guida; al suo fianco Antonio Munafò, 25enne milazzese, con il Cuttone attende, non poco distante dagli esercizi commerciali, oggetto del progetto criminale, l’ultimo componente, Gabriele Alfano, messinese, 24 anni, già in carcere per altre rapine consumate nel capoluogo di provincia. E’ lui che concretamente realizza i quattro episodi delittuosi. Stamane, a conclusione di un’attività investigativa rapida ed intensa, sono state eseguite dai poliziotti le tre misure cautelari ritenute idonee e proporzionate alla singola responsabilità dei correi: Munafò e Cuttone finiscono agli arresti domiciliari, Alfano, invece, anche per questi episodi, rimarrà in carcere.

           Giuseppe Lazzaro

Edited by, venerdì 22 marzo 2019, ore 14,03. 

(Visited 234 times, 1 visits today)