Barcellona P.G.: Parla il pentito Aurelio Micale. Si scava alla ricerca di armi

Sono durate tutto il giorno ieri scavi e ricerche da parte dei carabinieri per localizzare armi e munizioni (foto in alto la zona interessata, da www.gazzettadelsud.it), occultate, secondo le indicazioni del nuovo pentito della criminalità organizzata barcellonese AURELIO MICALE (foto in basso). Pare che nulla di particolare sia stato trovato in questa fase…

Uno schieramento di carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto, coadiuvato dai Cacciatori di Sicilia, dal Reparto cinofili e con l’apporto di una squadra di vigili del fuoco munita di escavatore, ha scavato ieri in un vasto appezzamento di terreno che si estende dal lungomare Marchesana di Terme Vigliatore a contrada Salicà. Le operazioni si sono protratte per l’intera giornata e sono state disposte dalla Procura distrettuale antimafia di Messina. Investigatori alla ricerca di armi e munizioni occultate dai clan della zona. L’attività è stata disposta sulla scorta di dichiarazioni rese agli inquirenti dal collaboratore di giustizia Aurelio Micale, barcellonese, che ha già svelato i contorni di 13 omicidi. Pare che nulla di particolare, in questa fase, sia stato trovato.

              g.l.

Edited by, giovedì 11 ottobre 2018, ore 12,11. 

(Visited 958 times, 6 visits today)