Barcellona P.G.: Titolare di agenzia assicurativa denunciato per truffa e falso

Gli agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto hanno denunciato il titolare di un’agenzia assicurativa per i reati di truffa e falso. La vicenda è correlata al recente sequestro (2 maggio, Oliveri) di un pullman per gita scolastica fermato dagli stessi poliziotti della Stradale coordinati dal sostituto commissario SANDRO RACCUJA (foto in alto)…

Gli agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto, a seguito di attività investigativa, hanno denunciato il titolare di un’agenzia assicurativa per i reati di truffa e falso. L’attività investigativa che ha portato all’odierna denuncia scaturisce a seguito delle verifiche sui mezzi di trasporto degli studenti operati dagli agenti della Polstrada lo scorso 2 maggio a Oliveri quando, a seguito di un controllo ad un pullman che stava trasportando dei bambini di una scuola per una gita scolastica, era stata riscontrata la mancanza della copertura assicurativa. Nella circostanza l’autista del pullman aveva esibito, agli agenti, un certificato assicurativo rilasciato da un’agenzia che presentava qualche anomalia. I successivi accertamenti facevano emergere che la polizza assicurativa risultava non attiva. In virtù di ciò erano state elevate sanzioni amministrative per circa 1.000 euro ed il pullman era stato sottoposto a fermo amministrativo. I bambini che si trovavano in gita, per rientrare presso il loro istituto scolastico, erano stati fatti riaccompagnare per il tramite di un pullman sostitutivo. Veniva intrapresa un’attività investigativa sottoponendo a sequestro la polizza assicurativa ed acquisiti degli atti anche presso la direzione generale della compagnia assicuratrice, il tutto al fine di far luce sulla vicenda. A conclusione dell’attività di polizia gli agenti acclaravano che il titolare dell’agenzia assicurativa aveva emesso la polizza assicurativa attestandone la regolarità nonostante ciò non corrispondesse al vero. Infatti il certificato, presso la direzione generale della compagnia assicuratrice, non risultava attivo ed il relativo premio assicurativo non era stato versato, ragion per cui il pullman, al momento del controllo,  circolava con una polizza assicurativa falsa e non valida. A conclusione  dell’attività investigativa il titolare dell’agenzia assicurativa è stato  deferito per i reti di falso e truffa all’Autorità Giudiziaria, la Procura della Repubblica di Patti che, nel contempo, ha convalidato anche il sequestro  della polizza assicurativa operato dagli agenti coordinati dal dirigente, il sostituto commissario Sandro Raccuia.

             Giuseppe Lazzaro

Edited by, martedì 15 maggio 2018, ore 14,00. 

(Visited 1.145 times, 1 visits today)