Basket: Orlandina, il primo USA è il lungo Brice Johnson

Alla vigilia di Ferragosto l’Orlandina ha ufficializzato il primo USA della nuova stagione: è il lungo BRICE JOHNSON (foto in alto), 25 anni, 2,06 metri, in passato anche in Nba…

Di Giuseppe Lazzaro, da Gazzetta del Sud (edizione di Ferragosto)

Ferragosto con il botto per l’Orlandina che piazza il primo, fragoroso, colpo sul mercato. Mancava un lungo americano e ieri ha firmato un contratto annuale Brice Johnson, ala-centro di 25 anni, alto 206 centimetri per 95 kg di peso. Dopo una luminosa carriera nelle high school del South Carolina, Johnson si mette in mostra in una delle più prestigiose università statunitensi, se non la più prestigiosa, cioè la North Carolina University, alma mater tra gli altri di sua maestà Michael Jordan. Sotto la sapiente guida di coach Roy Williams, Brice cresce fino ad essere selezionato nell’All-American Team NCAA nella stagione 2015/16, quando chiude il suo ultimo anno di college con 18.2 punti e 10.4 rimbalzi a partita, trascinando North Carolina fino alla finale del campionato, persa contro Villanova a causa di un rocambolesco canestro allo scadere. 14 punti e 8 rimbalzi per il neo paladino nella sua ultima partita tra gli universitari, che gli valsero la nomina nell’All Final Four Team 2016. Successivamente viene scelto col numero 25 al primo giro del draft 2016 dai Los Angeles Clippers. Durante il suo primo anno viene colpito da un infortunio alla schiena e il suo debutto in NBA avviene a febbraio inoltrato. La stagione seguente viene assegnato alla squadra di sviluppo dei Clippers, in NBDL e Johnson ben figura con oltre 13 punti e 9 rimbalzi di media in 23 partite. A febbraio del 2018 viene coinvolto in uno scambio che lo porta ai Memphis Grizzlies, dove gioca 9 partite con 3 punti di media. Lo scorso anno si trasferisce in Portorico agli Indios de Mayagüez, dove si fa notare con 10.8 punti e 7 rimbalzi in 18 minuti e mezzo di utilizzo medio. Lungo dal talento cristallino, che a 25 anni si rimette in gioco a Capo d’Orlando, dopo aver calcato i palcoscenici più importanti degli USA. “Per sostenere il nostro progetto – dichiara il direttore sportivo Giuseppe Sindoni – abbiamo, come lo scorso anno, bisogno di stranieri di alto livello, che siano capaci di guidare la squadra sia dal punto di vista tecnico che da quello emotivo. Johnson è stato il nostro obiettivo numero uno fin dalle prime battute di mercato perché, oltre ad essere un giocatore dotato di grande qualità, è in grado di giocare sia insieme a Mobio sia insieme ad Andrea Donda. Brice ha tutte le qualità per rilanciare la sua carriera verso il massimo livello e siamo orgogliosi che, come tanti altri giocatori in passato, abbia scelto Capo d’Orlando per farlo”. Adesso, per completare il roster, si attende l’altro botto per la combo guard.

Edited by, venerdì 16 agosto 2019, ore 21,02.

(Visited 280 times, 1 visits today)