Basket: Orlandina, partita la stagione. Le schede dei nuovi arrivi

E’ partita ieri mattina, al “Pala Mangano” di Sant’Agata Militello, la stagione 2021-22 dell’Orlandina Basket che, per il quarto anno di fila e nono negli ultimi ventuno anni, militerà nel campionato di Serie A2 al via il 3 ottobre. In questo dettagliato servizio la presentazione, il riepilogo delle schede dei nuovi acquisti e la notizia dell’allungamento del contratto, sino al 2025, del capitano MATTEO LAGANA’. Foto in alto lo staff tecnico, da sx: il collaboratore tecnico ENZO BRIGNONE, coach MARCO CARDANI, gli assistenti EDOARDO RABBOLINI e DAVID SUSSI…

Giuseppe Lazzaro

E’ suonato ieri mattina il gong della prima campanella della stagione 2021-22 dell’Orlandina. Agli ordini del nuovo coach Federico Cardani, degli assistenti David Sussi (di lungo corso, in biancazzurro dal 2012) e del nuovo Edoardo Rabbolini, oltre che del collaboratore tecnico Enzo Brignone e del riconfermatissimo preparatore atletico, prof. Antonio Fazio, si è partiti con la preparazione al “Pala Mangano” di Sant’Agata Militello. Di mattina l’attività sarà prettamente atletica e durissima come si conviene in questi casi dove bisognerà caricare le gambe, nel tardo pomeriggio si passerà alle prime azioni con il pallone. In questo momento a disposizione dello staff tecnico c’è il gruppo degli italiani composto dai riconfermati Matteo Laganà (play e capitano), Flavio Gay (play), “Momo” Diouf (centro) e da quelli nuovi, nell’ordine: il lungo Federico Poser, la guardia Francesco Reggiani, la guardia-ala Simone Vecerina, l’ala grande Vittorio Bartoli. Mancano i due americani, l’ala piccola Tevin Mack e l’ala grande Nick King, attesi la settimana prossima in attesa di avere a disposizione i visti. Sono aggregati la combo guard Quinn Ellis, inglese ma di formazione e tesseramento italiana, in forza all’Orlandina Lab, società satellite, promosso in prima squadra dopo avere chiuso con 24.5 punti di media la scorsa stagione in Serie C Silver e l’ala lettone Ricards Klanskis, anch’egli di formazione e tesseramento italiana, di proprietà dell’Orlandina e reduce dal prestito alla Fidelia Torrenova. A questi due ragazzi se ne potrebbe aggiungere qualche altro che servirà per gli allenamenti. Il direttore sportivo Antonio Sapone consegna a Cardani un mosaico giovane e che si affida tutto sulla forza e la potenza dei due statunitensi. L’ipotizzato “starting five” è formato da Laganà, Reggiani, Mack, King e Poser con Gay, Vecerina, Bartoli e Diouf principali cambi. Il decimo convocato per le partite ufficiali sarà scelto tra Ellis e Klanskis. Chiaramente le prime amichevoli e, soprattutto, il primo test della Supercoppa diranno se le strategie di mercato e, soprattutto, del quintetto tipo saranno esatte perché un ricorso al mercato è sempre possibile in attesa che, nella prima domenica di ottobre, inizi il campionato.

L’ORGANIGRAMMA, LE SCHEDE DEI NUOVI ARRIVATI E LAGANA’

STAFF TECNICO

ALLENATORE: MARCO CARDANI (foto sotto)

ASSISTENTI: DAVID SUSSI, EDOARDO RABBOLINI

PREPARATORE ATLETICO: ANTONIO FAZIO

LA SQUADRA – I NUOVI ACQUISTI

Marco Cardani, classe 1989, ha firmato un contratto annuale con opzione per il secondo anno. Toccherà dunque all’enfant prodige della pallacanestro italiana sostituire coach Marco Sodini sulla panchina biancoazzurra. Marco Cardani si è fatto notare fin da giovanissimo, quando iniziò ad allenare le squadre giovanili della Junior Casale Monferrato e dell’Olimpia Milano, in cui incrociò per la prima volta la strada di Matteo Laganà, che oggi ritrova all’Orlandina Basket. Poi nel 2016/17 il passaggio alla Pallacanestro Bernareggio in Serie C, in cui inizia la sua esperienza da capo allenatore. I lombardi conquistano subito la promozione in Serie B al primo anno e nelle ultime stagioni, sotto la guida di coach Cardani, ottengono risultati importanti, tra cui la Supercoppa LNP 2020 Centenario di Serie B e alle semifinali playoff nella stagione scorsa. Adesso l’approdo in Sicilia in un club noto per lanciare nell’olimpo del basket giovani allenatori emergenti e con la fame necessaria.

POSER

E’ stato il lungo di prospettiva Federico Poser, con esperienze negli USA, il primo acquisto dell’Orlandina per la stagione 2021-22. Un nome fortemente voluto dal neo coach Cardani. Nato a Mareno di Piave (Treviso) il 17 agosto 1999 Poser, che ha firmato un contratto annuale sino al 30 giugno 2022, è un’ala/centro di 206 centimetri per 111 chilogrammi, cresciuto nel settore giovanile della Universo Treviso (l’attuale De’ Longhi) con la quale ha esordito in Serie A2 nella stagione 2016/17. Dopo un altro anno diviso tra prima squadra e formazioni giovanili, nel 2018/19 decide di compiere il grande salto, volando oltreoceano per indossare la maglia della Elon University. Con la maglia della prestigiosa università del North Carolina, Poser gioca tre stagioni nella Division I della NCAA, collezionando 4.3 punti e 2.3 rimbalzi in 14’ di media. Al termine del suo percorso di studi il neo acquisto dell’Orlandina ha conseguito anche la laurea in “Sports Management”. Al suo attivo anche diverse presenze con le nazionali giovanili. Adesso il suo ritorno in Italia, con la maglia biancazzurra.

REGGIANI

Su Francesco Reggiani la società biancazzurra crede molto tanto che gli ha fatto firmare un contratto triennale che lo lega al sodalizio di via Beppe Alfano fino al 30 giugno 2024. Reggiani, classe 2002, è una guardia-ala di 195 centimetri. Nato ad Ancona, dove muove i primi passi sul parquet, da giovanissimo passa al settore giovanile della PMS di Moncalieri. Nel 2019 viene aggregato alla formazione di Serie A2 di Torino dove esordisce in Supercoppa di categoria. Lo scorso anno il passaggio all’Olimpo Basket Alba in Serie B, in cui disputa una stagione superlativa con 23.5 punti a partita nelle quattro gare di Supercoppa B e 11 punti e 5 rimbalzi di media nelle 22 partite di campionato. Da sempre nel giro delle nazionali giovanili, il diciannovenne anconetano è considerato come uno dei migliori prospetti italiani nel ruolo e l’Orlandina ha scelto di non farselo sfuggire.

VECERINA

Simone Vecerina, classe 1999, originario di Magenta (Milano), è una guardia-ala di 196 centimetri, in uscita dalla Pallacanestro Bergamo e che, con la società di via Beppe Alfano, ha firmato un contratto annuale, che avrà validità fino al 30 giugno 2022. Vecerina è un atleta versatile, capace di giocare in più ruoli. E’ cresciuto nelle giovanili dell’Olimpia Milano, dove ha incontrato il nuovo coach dell’Orlandina Marco Cardani, che ritrovava nella stagione 2016/17 a Bernareggio, la sua prima da senior. Ottenuta la promozione in Serie B, gioca un’ottima annata a Bernareggio, prima di passare a Vigevano, sempre nella categoria cadetta, dove viaggia a 6.7 punti di media in 36 partite giocate. Nella stagione 2019/20 Vecerina si consacra nella Pallacanestro Crema, sempre in B: per lui 9 punti a gara in 24 partite, prima dello stop forzato a causa del Covid-19. Lo scorso anno il passaggio a Bergamo in Serie A2 dove, nonostante la retrocessione, disputa un buon campionato con 6 punti di media e il 37% da tre punti.

BARTOLI

Il giovane atleta arriva in prestito da Treviso. E’ un’ala di 201 centimetri, considerato come uno dei talenti emergenti più fulgidi di tutta la nazione. Nato l’11 giugno 2002 a Spoleto, dove poi è cresciuto. Durante le giovanili si fa notare dalla Mens Sana Siena, in cui approda nel 2017 e dove veste le maglie dell’Under 16 e dell’Under 18. Nella stagione 2018-19 arriva alla De’ Longhi Treviso e si aggrega da subito al team senior partecipando oltre al campionato di Eccellenza, anche alla Next Gen Cup, competizione riservata alle Under 18 dei club di Serie A. L’anno scorso esordisce in Serie A nella gara contro l’Armani Milano. Da sempre nel giro della nazionale, partecipa agli Europei Under 16 del 2018 disputati a Novi Sad, chiudendo con 7.6 punti a partita.

MACK

L’atleta USA ha firmato un contratto annuale, valido fino al 30 giugno 2022. Tevin Mack, nato il 1. maggio 1997 a Columbia, nella Carolina del Sud (USA), è una guardia/ala di 198 centimetri per 103 kg, alla sua seconda esperienza in Europa. Lo scorso anno, infatti, è approdato oltreoceano in Kosovo, al KB Prishtina, risultando il secondo miglior marcatore della Kosovo Basketball Superleague con 24.5 punti a partita. Considerato come uno dei migliori prospetti statunitensi ai tempi dell’high school, Tevin approda alla Texas University nella stagione 2015/16, per diventare il miglior scorer della squadra l’anno successivo con 14.8 punti di media e il 39% da tre punti. Rimasto un anno fermo, a causa delle regole NCAA sul cambio di canotta al college, torna sul parquet nella stagione 2018/19 con la maglia dell’Università dell’Alabama. Per lui 9 punti a gara con il 50% dal campo in 34 partite disputate. L’ultimo anno in NCAA lo disputa alla Clemson University, dove in 31 incontri disputati mette a segno 12.2 punti a partita, conditi da 5.2 rimbalzi. Poi il passaggio oltreoceano in Kosovo, prima dell’approdo all’Orlandina Basket. Nel corso della sua carriera ha rappresentato gli USA in diversi tornei giovanili, ottenendo la medaglia d’oro alle Universiadi del 2019, disputatesi proprio in Italia a Napoli, chiudendo la rassegna con 9.5 punti e 4.3 rimbalzi di media in 6 partite.

KING

Nick King ha firmato un contratto annuale, valido fino al 30 giugno 2022. King, nato il 5 agosto 1995 a Memphis, in Tennessee (USA), è un’ala di 203 cm per 102 kg. Per lui è la seconda esperienza in Europa, dopo che lo scorso anno ha vestito la maglia del ZZ Leiden in Olanda, vincendo anche il campionato. Nella Dutch Basketball League per lui 13,1 punti e 5,5 rimbalzi di media in 13 partite giocate, con il 37,5% da tre punti. L’ala 26enne, nel corso della sua carriera in NCAA, ha indossato i colori di Memphis, Alabama e nell’ultimo anno (la stagione 2017/18) quella di Middle Tennessee State dove ha chiuso con 21 punti e 9 rimbalzi di media e il 39% da tre punti. Dopo avere giocato la Summer League con la maglia dei Los Angeles Lakers e la pre-season con quella dei Boston Celtics, nel 2018/19 viene ingaggiato in G-League dai Maine Red Claws: per lui 8,5 punti e 5 rimbalzi a partita. Poi il passaggio nel massimo campionato delle Filippine: in 16 partite ha tenuto le medie di 19.9 punti, 8.5 rimbalzi e 3.8 assist. A ottobre 2020 la firma in Colombia, dove si conferma come uno dei migliori giocatori del campionato, prima di sbarcare oltreoceano in Olanda. Adesso il suo arrivo a Capo d’Orlando per formare una coppia da urlo con Tevin Mack.

LAGANA’ ALLUNGA IL CONTRATTO

L’Orlandina Basket è lieta di annunciare il rinnovo del contratto di capitan Matteo Laganà (foto in alto la firma con il presidente Enzo Sindoni). Il classe 2000 ha firmato l’accordo che lo legherà al club biancoazzurro fino al 2025. All’Orlandina dalla stagione 2017/18, Matteo è stato un pilastro del club nelle ultime tre stagioni, trasformandosi da giovane di belle speranze in una assoluta certezza. Canestri importanti in momenti decisivi hanno fatto sognare i tifosi in più occasioni. Matteo ogni volta che è sceso in campo ha risposto sempre presente, lottando ogni minuto sul parquet per la maglia dell’Orlandina. Lo scorso anno per lui 7.7 punti di media a partita nel Girone Verde di Serie A2. Quest’anno sarà ancora più al centro del gioco di coach Cardani. «Sono davvero felice – dichiara Matteo – di continuare a vestire questa maglia. Tra la famiglia Laganà e Capo d’Orlando c’è un legame speciale ormai da molti anni. Ringrazio il presidente Sindoni per l’opportunità. Non vedo l’ora di iniziare la nuova stagione! Forza Orlandina!». «Siamo estremamente contenti – dichiara il direttore sportivo Antonio Sapone – di questa estensione contrattuale. Matteo negli ultimi anni è sempre stato un punto fermo della squadra, il suo rendimento è sempre andato in crescendo. Ci aspettiamo grandi cose da lui. Sarà un pilastro dell’Orlandina nelle prossime quattro stagioni. Ama questa maglia e noi siamo onorati di averlo con noi ancora per tanto tempo».

Edited by, sabato 21 agosto 2021, ore 7,56. 

 

(Visited 271 times, 2 visits today)