Basket: Serie B (8a g.): Barcellona atterra Palestrina e vola in testa. Costa d’Orlando e Patti sconfitte

Nella 8a giornata del Girone D del campionato di Serie B turno favorevole per un grande Basket Barcellona (foto in alto, di Antonio Caracciolo, il saluto al termine dei giocatori ai tifosi) che, sempre senza Grilli, atterra la quotata Palestrina e vola in testa agganciando la Luiss Roma battuta a Salerno. Nelle altre gare sconfitte per la Costa d’Orlando (-16) a Valmontone e per il Patti (-6) in casa con Scauri. I risultati, la nuova classifica, tabellini e servizi delle tre gare e il prossimo turno…

SERIE B, Girone D, risultati 8a giornata di andata

CASSINO-VENAFRO-85-62

VALMONTONE-COSTA D’ORLANDO-93-77

SALERNO-LUISS-77-55

CATANZARO-CAGLIARI-77-76

PATTI-SCAURI-66-72

BARCELLONA-PALESTRINA-84-67

BATTIPAGLIESE-TIBER-65-75

ISERNIA-STELLA AZZURRA-46-64

CLASSIFICA

LUISS ROMA, BASKET BARCELLONA 14 punti;

PALESTRINA, VENAFRO SALERNO, VIRTUS VALMONTONE 12;

ACCADEMIA SESTU CAGLIARI, COSTA D’ORLANDO, STELLA AZZURRA ROMA, TIBER ROMA, SCAURI, CASSINO 8;

MASTRIA VENDING CATANZARO 6;

VENAFRO 4;

GLOBO ISERNIA, BATTIPAGLIESE, PATTI BASKET 2 punti.

—————————————————————————–

BARCELLONA-PALESTRINA-84-67

Basket Barcellona: Idiaru 2, Grilli n.e., Teghini 12, Gay 12, Stefanini 6, Comelli n.e., Sereni 5, Bruni 27, Brunetti 13, De Angelis 3, Pedrazzani 4. All.: Friso.

CitySighTseeing Palestrina: Alessandri 10, G. Rossi 12, Barsanti 1, Duranti 7, Galuppi n.e., Fiorucci n.e., Bolozan n.e., Paesano 15, Molinari, Visnjic 22. All.: Lulli.

Arbitri: Calella e Cassinadri.

Parziali: 21-5; 43-27; 61-42.

Foto in alto (di Antonio Caracciolo): il lungo Brunetti raddoppiato

Di Benedetto Orti Trullo

In un “PalAlberti” bello e festante come non si vedeva da tempo, Barcellona gioca una gara grintosa, determinata e rispedisce a mani vuote la corazzata Palestrina, ritenuta (peraltro a ragione) la maggiore accreditata per la promozione in Serie A2. I giallorossi, dal canto loro, in silenzio e con umiltà, hanno confezionato un successo che non fa una grinza, al termine di una gara intensa e a tratti nervosa. La gara fa registrare un primo quarto subito caratterizzato dall’elevata intensità. Le due squadre corrono molto e commettono diversi errori al tiro. Sbaglia meno Barcellona che prende coraggio e realizza punti importanti, mandando a referto ben sette elementi. Dagli spalti giunge forte l’incitamento del popolo giallorosso che si fa sentire e suona la carica. Il primo periodo termina 21-5, grazie a una tripla di Flavio Gay sulla sirena. Nel secondo quarto Palestrina prova ad accorciare le distanze, Barcellona fa girare la palla e prova a gestire il vantaggio. Visnjic e Alessandri riportano i compagni sul -12 ma Stefanini non ci sta e risponde prontamente con la tripla del 35-22. E’ un quarto in cui l’equilibrio regna sovrano. Il parziale di 22-22 manda le due squadre al riposo sul punteggio di 43-27. Nel terzo periodo Duranti e compagni accorciano e toccano il -9. Coach Friso mette in campo Bruni, che realizza 7 punti consecutivi. In campo la tensione è palpabile. Ne fa le spese Molinari che viene espulso. Azione dopo azione, Barcellona ricostruisce il vantaggio. Una tripla di Brunetti allo scadere del periodo per poco non fa venire giù il palazzo. Il terzo quarto termina con il punteggio di 61-42. Palestrina intanto perde anche Barsanti, espulso per doppia sanzione dopo un fallo antisportivo. In precedenza, il numero 9 ospite si era visto fischiare un tecnico. Nell’ultimo quarto i giallorossi gestiscono il vantaggio. Toccano addirittura il +25 ma c’è lo scatto d’orgoglio ospite. Palestrina recupera otto lunghezze e il match termina 84-67.  Dopo l’ultima sirena, il “PalAlberti” torna a far festa come ai vecchi tempi. Segno che il basket in questa città ricomincia a strappare sorrisi a chi lo guarda. Dal canto loro, i ragazzi di coach Friso continuano a lavorare da squadra operaia, convinti che il lavoro sia l’unico ingrediente per prendersi straordinarie soddisfazioni come quella di stasera.

—————————————————————————————-

VALMONTONE-COSTA D’ORLANDO-93-77

Virtus Valmontone: Aatata, Rischia 16, Bisconti 22, Mathlouthi 15, Gentili 3, Mastrangeli 2, Ugolini, Di Francesco 2, Misolic 2, Ferraro 11, Pierangeli 12, Scodavolpe 8. All.: Avenia.

Costa d’Orlando: Marinello 15, Balic 10, Fort, Di Coste 10, Forte 8, Giglia, Triassi n.e., Paunovic 8, Sorrentino 12, Munastra 1, Pozzi 13. All.: Condello.

Arbitri: Colombo di Cantù e Quadrelli di Cassano Magnago.

Parziali: 24-16; 44-37; 77-57.

Foto in alto: una fase della gara a Valmontone

Di Francesco Gugliotta

Terzo quarto fatale all’Irritec Costa d’Orlando, che cede il passo per 93-77 alla forte Virtus Valmontone nell’ottavo turno del girone D di Serie B Old Wild West. Dopo un buon primo tempo, i paladini perdono contatto con i locali ad inizio ripresa. La reazione finale è incoraggiante ma tardiva. Comincia bene la partita la Costa d’Orlando, che nelle battute iniziali riesce a giocare al suo ritmo mettendo in difficoltà i locali. Valmontone dopo qualche minuto prende le misure ai paladini che comunque tengono botta. Un bel canestro di Sorrentino vale il 14-12 casilino ma un parziale di 10-4 a chiudere il periodo dà ai laziali il 24-16 con cui si va al primo mini-riposo. Il secondo quarto è molto equilibrato. Valmontone prova ad allungare senza successo, la Costa con Paunovic e Pozzi regge nonostante un pizzico di sfortuna. Un gran canestro sulla sirena di Balic consente ai paladini di rosicchiare un punticino ai padroni di casa. All’intervallo il tabellone recita 44-37 Valmontone. La ripresa vede i casilini partire a razzo con un break di 8-0 che stordisce i paladini. Coach Condello prova a correre ai ripari interrompendo le operazioni con un paio di time out ma i locali non accennano a togliere il piede dal pedale dell’acceleratore e toccano anche il +25 (70-45). Sul finire del periodo i biancorossi hanno un sussulto e con orgoglio accorciano fino al -20 (77-57) grazie alla tripla di Marinello a fil di sirena con cui si chiude il parziale. Nell’ultimo quarto la Costa d’Orlando le tenta tutte, arrivando fino al -14. Il tempo però è nemico dei ragazzi del presidente Mauro Giuffrè che, nonostante la tardiva reazione, devono alzare bandiera bianca. Finisce così 93-77 per Valmontone al cospetto di una Costa ancora un po’ inesperta per poter portare a casa partite di questo tipo.

—————————————————————————-

Patti-Scauri-66-72

Playa Hotel Patti: Locci 15 (6/8), Fowler 15 (0/2, 4/9), Antonino Sidoti 12 (1/4, 2/8), Legnini 8 (1/4, 1/4), Busco 4 (1/6, 0/2), Mazzullo 4 (2/3, 0/1), Dispinzeri 4 (1/3, 0/1), Pappalardo 4 (2/2), Alessandro Sidoti (0/3). N.e.: Pekovic, Giaimo, Gullo. All.: Pippo Sidoti.

Basket Scauri: Longobardi 19 (7/14, 1/5), Provenzani 14 (4/6, 2/6), Serino 11 (4/4, 0/4), Richotti 7 (3/8), Manzo 7 (0/1, 1/4), Marzullo 5 (1/2, 1/1), Zolezzi 5 (0/0, 1/1), Okon 4 (2/2, 0/1). N.e.: Casoni, Chakir 0, Varga. All.: Sabatino.

Arbitri: Sordi e Sironi.

Parziali: 15-16; 43-38; 51-53.

Foto in alto: i giocatori del Patti durante l’esecuzione dell’Inno di Mameli

Di Dario Caranna

Ci è mancato veramente poco per raggiungere la seconda vittoria consecutiva tra le mura amiche per il Playa Hotel Patti che invece deve arrendersi al Basket Scauri 66-72. Come contro la Costa d’Orlando lunedì scorso, un Patti bello e in controllo per metà gara, poi pian piano la fiamma si è affievolita, causa un mix formato da stanchezza, sfortuna e qualche ingenuità nei momenti importanti della gara. L’inizio è tutto per Scauri che, grazie ad un parziale di 0-8, fa capire di essere motivato. La risposta di Patti non si fa attendere e con un contro-parziale di 13-3 mette la testa sopra e fa caricare a dovere il pubblico del “Pala Serranò”. Nino Sidoti e Fowler sono in partita ma Zolezzi e Provenzani portano Scauri a fine primo quarto sul 15-16. Nella seconda frazione il neo arrivato Dispinzeri (di ritorno) si fa notare, Patti riesce ad allungare e vola a +10 (38-28), Scauri reagisce e si rifà sotto ma un’altra tripla di Fowler caccia indietro i laziali e all’intervallo il tabellone segna 43-38. Patti sembra in controllo ma, al rientro sul parquet, Scauri alza l’intensità difensiva e riesce a piazzare il break portandosi in vantaggio (47-48). La terza frazione di gioco è un’alternarsi di sorpassi fra le due squadre che dà vita ad un match emozionante ma è Scauri a mettere la freccia a 10′ da termine, 51-53. Nell’ultima frazione la maggiore esperienza di alcuni giocatori laziali come Longobardi e Richotti fa la differenza, la squadra di coach Sabatino vuole chiuderla ed arriva a +8 a 5′ dal termine (57-65). Patti però si rivitalizza nel finale, Fowler mette due triple incredibili e, a 2′ dalla fine, il tabellone segna addirittura 66-65. Sembra tutto da rifare per gli ospiti ma, grazie ad alcune ingenuità in difesa e in gestione di Patti, Scauri riesce a trovare canestri a gioco fermo fondamentali e negli ultimi secondi la squadra di coach Sidoti non ha la forza e la fortuna di trovare quei canestri che gli avrebbero regalato un finale differente. Il match si chiude col punteggio di 66-72. Quasi un’occasione mancata per il Playa Hotel Patti, che ha pagato a caro prezzo ogni momento in cui era un po’ in affanno o poco concentrata e, soprattutto, il finale di gara.

——————————————————————————-

PROSSIMO TURNO, 9a giornata di andata (domenica 19 novembre)

VENAFRO-BARCELLONA

SALERNO-PATTI

BATTIPAGLIESE-CASSINO

(“PalaSikeliArchivi”) COSTA D’ORLANDO-ISERNIA

SCAURI-CATANZARO

CAGLIARI-PALESTRINA

(sabato) LUISS-TIBER

(sabato) STELLA AZZURRA-VALMONTONE

Edited by, lunedì 13 novembre 2017, ore 19,10. 

 

(Visited 128 times, 1 visits today)