Brolo: Bagno di folla per l’apertura della campagna elettorale di Laccoto e lista “Brolo Riparte”

Bagno di folla ieri sera, nella sala dell’hotel “Il Gattopardo”, per l’apertura della campagna elettorale del candidato sindaco GIUSEPPE LACCOTO e della lista a sostegno, “Brolo Riparte”, a tre settimane dalle elezioni amministrative. Foto in alto: l’intervento di Laccoto, fermato dagli applausi in numerose occasioni, con i candidati alle spalle…

La sala del “Gattopardo” stracolma, in fondo tantissima gente rimasta in piedi

“Brolo riparte già da questa sera, dalla partecipazione numerosa, attenta e calorosa dei cittadini. C’è voglia di riconquistare una normalità dimenticata, di restituire a questo paese il decoro perduto, iniziando con l’assicurare i servizi ordinari”. Così il candidato sindaco Giuseppe Laccoto ha commentato la serata inaugurale della campagna elettorale della lista “Brolo Riparte”, svoltasi domenica nella sala dell’hotel “Il Gattopardo” gremita ben oltre lo spazio previsto.

Davanti al candidato sindaco si presenta l’assessore designato Maria Vittoria Cipriano; sulla destra si scorge il candidato, avvocato Mimmo Magistro

“C’è un paese in stato di abbandono sotto tutti i punti di vista, dalle attenzioni quotidiane alla necessaria programmazione – ha sottolineato Laccoto – e il nostro programma è stato proprio calibrato da un lato a garantire la manutenzione ordinaria ed i servizi quotidiani per i bambini, gli studenti, i diversamente abili e gli anziani, dall’altro alla realizzazione di opere che potranno dare a Brolo un deciso rilancio in termini turistici ed economici come, ad esempio, la realizzazione del parco suburbano tra il castello e la linea ferroviaria, la riqualificazione di piazza Annunziatella e del Palatenda e la revisione del Piano Regolatore Generale. Ma sono davvero tante le cose da fare – ha ribadito il candidato sindaco –, dalla giusta attenzione alle zone periferiche, alla riapertura di tanti impianti sportivi, alla necessità di rivitalizzare il settore culturale. Ci sono bilanci da mettere in regola: dopo che il Ministero sembra che abbia dato parere favorevole con prescrizioni per cinque anni solo per quanto riguarda il bilancio riequilibrato 2014, bisogna approvare subito in consiglio comunale tutti i bilanci dal 2014 al 2019. E’ una condizione essenziale per lavorare con serenità, garantendo l’ordinario e avviando finalmente il percorso di stabilizzazione dei precari. C’è da riaprire il cinema comunale, dopo che gli annunci trionfali sono rimasti lettera morta: quello è un luogo di aggregazione importante, da restituire subito alla comunità. C’è anche una dignità da ridare al lungomare che deve tornare ad essere un posto da vivere e da valorizzare per l’economia del paese, così come si deve immediatamente cancellare la vergogna rappresentata dagli scarichi a mare”.

Tra gli applausi dei presenti Laccoto e i candidati in piedi salutano

Laccoto ha quindi presentato singolarmente i 12 candidati al consiglio comunale e gli assessori designati, “giovani e professionisti di grande competenza e capacità ma senza dimenticare che accanto a loro c’è una squadra molto numerosa che lavora costantemente e ci contagia con il suo entusiasmo e la voglia di partecipazione. Crediamo fermamente nella partecipazione popolare come elemento centrale della vita amministrativa: a Brolo, invece, negli ultimi anni il cittadino è stato tenuto ai margini delle decisioni cruciali che appartengono e devono appartenere non ad una famiglia, non ad una parte politica ma all’intera comunità. Noi siamo qui – ha concluso Laccoto – pronti a spenderci per il bene comune, con impegno ed umiltà”.

          G.L.

Edited by, lunedì 8 aprile 2019, ore 11,31. 

 

 

(Visited 765 times, 1 visits today)