Calcio: Serie D (19a g.). L’Igea Virtus sprofonda a Messina e vede il baratro

Nel servizio i risultati della 19a giornata del Girone I del campionato di Serie D e la nuova classifica con in primo piano la netta vittoria del sempre deludente (bilancio generale) Acr Messina (foto in alto, di Francesco Saya, schierato ieri) che ha schiantato l’Igea Virtus nel derby (nel servizio tabellino e commento) e i giallorossi barcellonesi, sempre penultimi, vedono il baratro. Da alcune partite in crisi il Città di Messina, battuto sabato dal Gela (56′ Retucci) e terza sconfitta di fila per gli uomini allenati da Furnari…

SERIE D, Girone I, risultati 19a giornata (2a di ritorno)

(a San Cataldo c.n.) Gela-Città di Messina-1-0

Messina-Igea Virtus-3-0

Nocerina-Acireale-1-1

Palmese-Castrovillari-0-0

Portici-Locri-5-1

Roccella-Marsala-1-1

(a Castrovillari c.n.) Rotonda-Cittanovese-0-1

Sancataldese-Bari-1-2

Troina-Turris-2-1

Recupero 18a g.: Acireale-Troina-2-2ù

CLASSIFICA

Bari 49 punti;

Turris 37;

Marsala 31;

Castrovillari, Cittanovese, Gela 28;

Portici 27;

Nocerina, Palmese, Troina 26;

Acireale 24;

Città di Messina, Locri, Roccella, Sancataldese 22;

Messina 20;

Igea Virtus Barcellona Pozzo di Gotto 14;

Rotonda 10 punti.  

La Turris ha 2 punti in meno di penalizzazione

MESSINA-IGEA VIRTUS-3-0

Marcatori: 7′ Catalano, 47′ pt Genevier, 77’ Arcidiacono

Acr Messina: Jairo, Biondi (89’ Lundqvist), Barbera, Traditi (81’ Dascoli), Zappalà, Ba, Arcidiacono, Bossa (78’ Amadio), Tedesco (65’ Selvaggio), Genevier (86’ Aldrovandi), Catalano. All.: Biagioni.

Igea Virtus: Cascione, Allegra, Akrapovic, Dodaro, Bucca (28′ Santapaola), Diamoutene, Mancuso (69’ Grosso), Giambanco (69’  Miuccio), Perkovic, Pisaniello (60’ Moussa), Asprilla (46’ Calabrese). All.: Tedesco.

Arbitro: Gullotta di Siracusa

Assistenti: Mongiovì di Agrigento e Piccichè di Trapani.

Di DAVIDE BILLA

Inatteso derby salvezza al “Franco Scoglio” dove l’Acr Messina è obbligato al successo contro l’Igea Virtus, che segue ad appena tre lunghezze e spera nell’aggancio. Stadio sempre più vuoto: i cinque club organizzati, come annunciato, hanno disertato il match; presenti solo pochi tifosi della Gioventù Giallorossa. Mister Biagioni, privo di Janse, Ferrante e dei soliti Marzullo e Baldè, in attesa del transfer, propone il 4-3-3 con Jairo in porta, Zappalà e Ba al centro della difesa, con Barbera e nuovamente Biondi sugli esterni. In mezzo Genevier, Bossa e Traditi, mentre in attacco tridente Arcidiacono, Tedesco e Catalano. L’Igea Virtus, invece, si schiera con il 3-5-2: Cascione in porta, Diamoutene, Bucca e Mancuso in difesa con Allegra e Akrapovic sugli esterni, in mezzo Pisaniello, Dodaro e Giambanco, mentre Perkovic e Asprilla in attacco.

Primo tempo: Si parte con un pò di ritardo e su un campo che è sempre in condizioni pessime. Il primo tentativo al 5′ è del Messina: punizione di Genevier e colpo di testa di Barbera ma Cascione a mano aperta compie un vero miracolo. Locali subito vicino al gol. L’1-0 arriva al 7′: ci vogliono tre tentativi. Prima Tedesco, poi Traditi, ma le loro conclusioni sbattono sulla difesa, poi Catalano in diagonale supera Cascione. Il vantaggio esalta il Messina, che tiene palla, gioca e fa la partita facendosi vedere in avanti: al 16′ Catalano controlla male in piena area e favorisce l’intervento della difesa. Al 18′ angolo di Catalano, Cascione allontana con i pugni, Arcidiacono prova il destro al volto dal limite ma il tiro è abbondantemente alto. Al 21′ la prima risposta igeana: tiro di Giambanco ma Jairo blocca. Al 22′ stop e tiro dai 20 metri di Genevier che si coordina bene ma Cascione respinge con i pugni. Al 28′ mister Tedesco costretto al primo cambio: esce Bucca per Santapaola e ora l’Igea si schiera con il 4-3-3. Al 32′ punizione di Giambanco per il colpo di testa di Akrapovic, a metà tra una sponda e un tiro ma Jairo blocca. Al 39′ incredibile chance per il Messina: cross basso da sinistra di Arcidiacono, nessuno interviene e il pallone si stampa sul palo; sulla respinta interviene Catalano, che colpisce nuovamente il legno. Al 41′ ancora Catalano parte da centrocampo, entra in area ma Cascione gli sbarra la strada in uscita; poi Arcidiacono trova la respinta di un difensore a porta vuota. al 47′ Genevier si libera in mezzo a tre avversari a serve Arcidiacono, quindi passaggio in profondità per Tedesco, tiro ravvicinato e deviato ancora sul palo, poi Mancuso manda in angolo. E sul successivo corner irrompe Genevier che, di testa sul secondo palo, insacca.

Secondo tempo: Si riparte con un altro cambio nell’Igea Virtus: entra Calabrese per Asprilla. Primi minuti senza particolari emozioni. Solo al 54’ una punizione di Giambanco, respinta da Jairo. Al 56’ accelerazione di Arcidiacono che entra in area dalla sinistra e calcia in diagonale ma, tradito dal pessimo terreno di gioco, la palla si perde alta. Al 65’ primo cambio per il Messina: fuori Tedesco per infortunio, dentro Selvaggio. Il neo entrato si disimpegna subito bene sulla destra, salta un avversario e mette in mezzo un cross basso per Arcidiacono anticipato in angolo. Al 77’ contropiede avviato da Ba, che ruba palla a Calabrese, quindi Bossa lancia Arcidiacono che scatta verso la porta avversaria e, di destro, supera Cascione. Gara virtualmente chiusa. All’86’ finisce l’ottima partita di Genevier che, tra gli applausi dei pochi presenti, lascia il posto ad Aldrovandi. All’87’ Selvaggio, entrato bene in partita, arriva sul fondo e mette in mezzo un bel cross basso ma attraversa tutta l’area e nessuno interviene. Un minuto dopo, invece, è il neo entrato Aldrovandi a divorarsi il poker: Arcidiacono lo serve all’altezza del dischetto ma il centrocampista spara alto praticamente a porta vuota. Al 93’ l’Igea cerca di accorciare: destro potente di Calabrese dal limite ma non inquadra la porta. Dopo 3’ recupero l’Acr Messina torna al successo e supera 3-0 l’Igea Virtus (restituendo la sconfitta dell’andata con lo stesso risultato), allungando a +6 proprio sul penultimo posto dei barcellonesi. Prova positiva dei giallorossi di Biagioni che danno seguito al successo in Coppa Italia Serie D a Picerno e provano così ad avviare la risalita in classifica avvicinandosi alle rivali.

Edited by, lunedì 14 gennaio 2019, ore 9,38.

(Visited 117 times, 1 visits today)