Capo d’Orlando: Violazione di domicilio e furto di energia elettrica, arrestati due stranieri

Due extracomunitari marocchini sono stati arrestati ieri sera a Capo d’Orlando dai carabinieri (foto in alto la caserma): avevano occupato abusivamente un immobile di proprietà della Curia vescovile di Patti sulla strada che conduce al Santuario di Maria SS. e si erano allacciati abusivamente la corrente elettrica…

I carabinieri della locale Stazione, al comando del neo luogotenente Innocenzo Guarino, a Capo d’Orlando ieri sera, nel corso di controlli tesi a contrastare il fenomeno dell’occupazione abusiva di immobili nella giurisdizione, nonché allacci abusivi alla rete elettrica nazionale,  hanno tratto in arresto per violazione di domicilio aggravato e furto di energia elettrica Mohamed Ghbali, 30enne di nazionalità marocchina e Yassine Khatibi, 48enne di nazionalità marocchina. I militari, a seguito di specifico controllo presso un immobile di proprietà della Curia vescovile di Patti, sito nella salita che, da via Libertà conduce al Santuario di Maria Santissima, constatavano che i predetti, previa effrazione del cancello della recinzione e del portone di ingresso, occupavano arbitrariamente lo stabile. Ulteriori accertamenti permettevano di appurare che gli stessi si erano abusivamente allacciati alla rete elettrica nazionale forzando un contatore posto sulla pubblica via. Alla luce di quanto sopra i due stranieri venivano tratti in arresto per i reati, in concorso, di violazione di domicilio e furto aggravato di energia elettrica. Gli arrestati, informata l’Autorità Giudiziaria competente, sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia carabinieri di Sant’Agata Militello in attesa dell’udienza di convalida che si svolgerà davanti al giudice del tribunale di Patti.

Giuseppe Lazzaro

Edited by, lunedì 30 ottobre 2017, ore 10,14.

 

 

 

(Visited 507 times, 1 visits today)