IX anniversario dalla scomparsa: Il ricordo di Mons. Vittorio Casella sempre vivo a S.Agata e Capo d’Orlando

Ricorre oggi il nono anniversario della scomparsa di Mons. VITTORIO CASELLA (foto in alto), la guida spirituale capace di cambiare due comunità parrocchiali, Sant’Agata Militello prima e Capo d’Orlando dopo. Il nostro ricordo…

Ricorre oggi il nono anniversario della scomparsa di Mons. Vittorio Casella, la guida spirituale capace di cambiare due comunità parrocchiali, Sant’Agata Militello prima e Capo d’Orlando dopo. Erano le 13,45 del 20 maggio 2008 quando, improvvisamente, le campane della chiesa di Cristo Re a Capo d’Orlando, che padre Vittorio aveva guidato per oltre diciassette anni, suonarono a lutto. La sera prima il Vescovo della diocesi di Patti, Mons. Ignazio Zambito, aveva dato a padre Casella l’ultima Comunione prima della dipartita a seguito di una malattia dapprima vinta e che poi si manifestò sino all’epilogo.

Vittorio Alberto Casella nacque a Sinagra il 28 agosto 1940 e a 22 anni, nel 1960, divenne sacerdote. Compì gli studi teologici presso la Pontificia Facoltà di Teologia dell’Italia meridionale a Posillipo, alle porte di Napoli, dove nel 1966 conseguì la laurea in Teologia discutendo una tesi su “L’amorizzazione in Teilhard de Chardin”. Pubblicò alcuni studi sulla pietà popolare mariana in Sicilia e fu autore di altri libri, tra cui “L’Eucarestia al centro”. Insegnò teologia e liturgia presso l’Istituto di Scienze Religiose della diocesi di Patti. Nella sua missione, durata 45 anni, ha rivoluzionato la condotta ecclesiastica sia a S.Agata Militello, dove ha guidato la chiesa di Santa Lucia per quasi vent’anni che a Capo d’Orlando da Arciprete, quando il Vescovo Zambito lo chiamò a guidare la chiesa di Maria SS. di Porto Salvo/Cristo Re, insediandosi nel dicembre 1991 e guidandola, con abilità, maestria, idee innovative, fondando la Caritas e ospitando eminentissimi Cardinali, Arcivescovi, Vescovi e persino il Patriarca di Gerusalemme. Tra gli altri restò celebre la manifestazione interparrocchiale portando in piazza Matteotti Maria Santissima, patrona di Capo d’Orlando, Sant’Antonino di contrada Piana e San Giuseppe, della frazione di Malvicino. Il 22 maggio 2008, quando a Cristo Re si svolsero i funerali, un’ora trascorse solamente per i ricordi ed il saluto di eminenti autorità politiche, militari, religiose e civili e in tanti, anche uomini dal carattere forte di Sant’Agata Militello e Capo d’Orlando, piansero durante il corteo che portò l’indimenticato padre Vittorio al riposo eterno al cimitero di Torrenova.

          Giuseppe Lazzaro

Edited by, sabato 20 maggio 2017, ore 11,16. 

(Visited 421 times, 1 visits today)