L’omicidio stradale di Lorena Mangano: Scarcerato il pasticciere Giovanni Gugliandolo

In attesa del verdetto definitivo della Cassazione (4 dicembre) la Corte d’Appello di Messina ha scarcerato GIOVANNI GUGLIANDOLO (foto in alto), pasticciere messinese, accusato di competizione stradale e condannato a 6 anni in secondo grado, coinvolto nell’omicidio stradale avvenuto la notte del 25 giugno 2016 a Messina, vittima la studentessa universitaria di Capo d’Orlando LORENA MANGANO…

La Corte d’Appello di Messina, accogliendo l’istanza del suo difensore, avvocato Pietro Luccisano, ha scarcerato Giovanni Gugliandolo, pasticciere di Messina, che si trovava agli arresti domiciliari. La vicenda è quella del processo per la morte di Lorena Mangano, la studentessa universitaria di Capo d’Orlando di 23 anni, travolta e uccisa dall’Audi TT guidata dall’allora finanziere Gaetano Forestieri, nella notte del 25 giugno 2016 in via Garibaldi a Messina. Il Gugliandolo, già condannato a 6 anni in appello con l’accusa di competizione stradale, è in attesa del verdetto finale in Cassazione che, nel giugno scorso, proprio per una rivalutazione della sua posizione, è stato rinviato al prossimo 4 dicembre insieme a quello del Forestieri, condannato a 10 anni dalla Corte d’Appello di Messina.

          Giuseppe Lazzaro

Edited by, sabato 13 luglio 2019, ore 15,57. 

(Visited 2.057 times, 1 visits today)