Mistretta: Odore di mafia al Comune. Nominata la Commissione di indagine affiancata da 4 funzionari

Come già riportato ieri il Prefetto di Messina, MARIA CARMELA LIBRIZZI (foto in alto), ha nominato una commissione di indagine per verificare eventuali forme di infiltrazione o di condizionamento mafioso al comune di Mistretta. La commissione è composta da due vice prefetti e da un tenente colonnello dei carabinieri a sua volta affiancata da quattro funzionari della DIA, della Polizia di Stato (tra cui il dirigente del Commissariato di Capo d’Orlando CARMELO ALIOTO) e della Guardia di Finanza. Tre mesi di tempo per l’accesso agli atti ai controlli, eventualmente prorogabili per altri tre. L’indagine scaturisce dall’operazione “Concussio” che vede coinvolto il consigliere comunale, sospeso attualmente, VINCENZO TAMBURELLO, ristretto in carcere con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso…

Il Prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, su disposizione del ministro dell’Interno Matteo Salvini, ha nominato una commissione di indagine per verificare eventuali forme di infiltrazione o di condizionamento mafioso al comune di Mistretta. La commissione è composta dal Vice Prefetto Vicario, in servizio alla Prefettura di Messina, Maria Carolina Ippolito; il Vice Prefetto aggiunto, in servizio alla Prefettura di Messina, Antonio Gullì e dal tenente colonnello Ivan Boracchia, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Messina. La commissione è affiancata da: il Vice Questore Aggiunto Carmelo Alioto, dirigente del Commissariato di polizia di Capo d’Orlando; il capitano Alessandro Buongiorno, in forza al Gico della guardia di finanza, al nucleo di polizia economica e finanziaria della DIA (Direzione Investigativa Antimafia) di Messina; il luogotenente Giovanni Muscolino, in forza al Nucleo di polizia economica e finanziaria del Comando Provinciale della guardia di finanza di Messina; il commissario capo della Polizia di Stato Andrea Sgrò in servizio presso la sezione Operativa della DIA di Messina.

L’accesso ispettivo è scaturito dagli atti di inchiesta dell’operazione “Concussio” nella quale è coinvolto un consigliere comunale sospeso attualmente dalla carica, Vincenzo Tamburello (FOTO SOPRA), commercialista, ristretto in carcere dal 20 aprile, giorno dell’operazione, sottoposto alla chiusura delle indagini preliminari pochi giorni fa con altre otto persone. L’indagine, che aveva portato a tre arresti, ruota su condizionamenti della malavita organizzata nell’assegnazione degli appalti di riqualificazione delle opere di Fiumara d’Arte in territorio di Tusa ed il Tamburello è accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. La commissione nominata dal Prefetto dovrà decidere l’esistenza o meno di condizionamenti sull’Ente che, se accertati, potrebbero portare allo scioglimento del consiglio comunale. L’attività ispettiva, come da prassi, dovrà essere svolta nei prossimi tre mesi ed, eventualmente, prorogabile per altri tre.

Giuseppe Lazzaro

Edited by, giovedì 9 agosto 2018, ore 11,21.

(Visited 940 times, 1 visits today)