Naso: Dissesto al centro storico, via ai lavori di consolidamento

Sono stati presentati in questa settimana i lavori di consolidamento del centro storico di Naso, interessato dal dissesto idrogeologico nel 2010. Un iter partito con la precedente amministrazione-LETIZIA, proseguito e completato con quella attuale. Foto in alto, al Chiostro dei Minori Osservanti dove si è svolta la presentazione, il sindaco GAETANO NANI’ e, in piedi, l’ingegnere IVAN JOSEPH DUCA, che è il Rup dei lavori…

“Serenità per la città di Naso, più sicurezza per i residenti del centro”. Così il sindaco Gaetano Nanì ha aperto i lavori dell’incontro che si è svolto, presso il Chiostro dei Minori Osservanti, con progettisti e direttori dei lavori, del cantiere che realizzerà il consolidamento del centro storico, a dodici anni dal dissesto idrogeologico che, al centro e, soprattutto, nella zona del belvedere, arrecò preoccupazione e danni. “Non possiamo permetterci più di perdere tempo con interventi tampone – ha detto il primo cittadino -, la sicurezza del paese viene prima di tutto. Finalmente il grande lavoro organizzativo e di ricerca fondi, partiti con l’amministrazione precedente a guida del sindaco Daniele Letizia, da qualche giorno si sono concretizzati. Il via al cantiere, la presenza dei tecnici a Naso, i chiarimenti che questi daranno, sono per noi una garanzia assoluta. Come amministrazione, inoltre, la presenza del Rup (Responsabile unico del procedimento), l’ingegnere Ivan Joseph Duca, responsabile del settore Lavori Pubblici del comune di Naso, è l’assicurazione che tutto verrà realizzato nel migliore dei modi”. L’incontro, a cui hanno partecipato anche geometri ed ingegneri di Naso e della zona tirrenico-nebroidea, è poi continuato con la spiegazione del progetto da parte dell’ingegnere Paolo Cancelli e del geologo Matteo Darderi. “Abbiamo studiato – hanno spiegato i due professionisti – lo scorrimento del versante avvenuto nel 1955 che provocò uno smottamento di 300.000 metri cubi, la composizione del sottosuolo, lo stato dei luoghi. I lavori che abbiamo proposto riteniamo possano risolvere la questione. Per una definitiva soluzione sarà però indispensabile completare tutti i lotti e non solamente questo primo appaltato. Ad opera completa abbiamo predisposto tutta una serie di opere collaterali come drenaggi, regimentazione delle acque e un monitoraggio wireless, che ci daranno le certezze che i cittadini di Naso meritano”. Il dissesto causò grossi problemi anche in piazza Roma tanto che vennero abbattuti il municipio, Casa Collica e lo storico bar “Dei Portici” ma nella zona la precedente amministrazione ha ripulito tutto e realizzato un nuovo belvedere.

        Giuseppe Lazzaro

Edited by, giovedì 14 ottobre 2021, ore 9,29.   

(Visited 237 times, 1 visits today)