Op. “Gotha 6”: La DIA sequestra beni (valore 32 milioni) a Pietro Nicola Mazzagatti, del clan dei “Barcellonesi”

La D.I.A. di Messina, supportata dal Centro Operativo di Catania ha proceduto, in esecuzione a specifico provvedimento emesso dal Tribunale Misure di Prevenzione di Messina, al sequestro di un ingente patrimonio (valore 32 milioni di euro) nella disponibilità di PIETRO NICOLA MAZZAGATTI (foto in alto), di Santa Lucia del Mela, allo stato detenuto, indiziato di appartenere all’organizzazione mafiosa denominata “clan dei barcellonesi”, già coinvolto nelle operazioni “Mare Nostrum”, “Catering” e “Gotha 6” dove è accusato di avere partecipato a due omicidi…

La D.I.A. (Direzione Investigativa Antimafia) di Messina, supportata dal Centro Operativo di Catania, a conclusione di un’attività investigativa – culminata nella proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale formulata a “firma congiunta” dal Procuratore di Messina Maurizio De Lucia e dal direttore della D.I.A., Generale di Divisione dei carabinieri Giuseppe Governale – ha proceduto, in esecuzione a specifico provvedimento emesso dal Tribunale Misure di Prevenzione di Messina, al sequestro di un ingente patrimonio nella disponibilità di Pietro Nicola Mazzagatti, di Santa Lucia del Mela, socialmente pericoloso ed indiziato di appartenere all’organizzazione mafiosa denominata “clan dei barcellonesi”, attiva nel territorio di Barcellona Pozzo di Gotto e nei comuni limitrofi, costola di “Cosa Nostra” siciliana. Il Mazzagatti, attualmente detenuto, è soggetto storicamente radicato su quei territori e, forte del suo coinvolgimento nell’organizzazione mafiosa, era in breve riuscito a ridurre i propri compaesani in una condizione di assoggettamento ed omertà tale da acquisire di fatto il monopolio delle attività di Santa Lucia del Mela nel ramo della ristorazione, somministrazione di alimenti e del catering. Nell’ambito dell’operazione denominata “GOTHA VI” – attività che ha fatto luce su ben 18 omicidi consumati e 2 omicidi tentati, commessi tra i primi anni ’90 ed il 2012 – l’uomo è stato colpito da ordinanza di misura cautelare personale, in quanto ritenuto direttamente coinvolto in due omicidi, quello di Fortunato Ficarra, ucciso il 1° luglio 1998 all’interno del bar “Valerie” di Santa Lucia del Mela e quello di Mimmo Tramontana, appartenente al sodalizio mafioso dei barcellonesi in posizione di vertice nell’ambito del gruppo che controllava la zona di Terme Vigliatore, ucciso il 4 giugno 2001 in località Calderà a Barcellona.

Il Mazzagatti risulta anche destinatario di misura di prevenzione personale e patrimoniale della confisca, non ancora definitiva, emessa nel 2009; la sua pericolosità sociale era fondata sul giudizio delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Pino Chiofalo rese nel maxi processo “Mare Nostrum”, in cui lui era imputato. Ulteriori risultanze sono emerse anche dall’operazione “CATERING”, che ha visto il Mazzagatti – sottoposto, per fatti risalenti al dicembre 2004, a misura cautelare e imputato anche per associazione di tipo mafioso – essere poi condannato, tra l’altro, per la tentata estorsione ai danni di un iraniano, titolare di un’attività commerciale di tappeti persiani e di una struttura adibita a sala ricevimenti sita a San Pier Niceto, ceduta in locazione a lui per anni che vi organizzava ricevimenti attraverso la propria ditta di catering. Inoltre, significative sono state anche le risultanze dell’operazione “SISTEMA” nell’ambito della quale il Mazzagatti è stato condannato per il reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni dei titolari della società “CO.GE.MAR. s.r.l.” a Barcellona, questi costretti a corrispondere, nel periodo tra il febbraio ed il novembre 1998, somme a titolo di “pizzo” in relazione a dei lavori di consolidamento effettuati a seguito di eventi calamitosi in Gualtieri Sicaminò. L’odierno sequestro scaturisce dalle investigazioni della D.I.A. di Messina che hanno messo in luce come il Mazzagatti, con l’appoggio della consorteria criminale di riferimento “dei barcellonesi”, sia riuscito, pur colpito da precedente misura patrimoniale, a rinsaldare e fortificare il proprio patrimonio – comprensivo anche di contesti imprenditoriali importanti quale la prestigiosa struttura ricettiva e sala ricevimenti “Villa Mont Valerie” o anche il bar/gelateria “Valerie coffee and Pastry” sito a Milazzo ed appena inaugurato – schermandolo con società intestate formalmente ai suoi congiunti; il tutto senza possedere, almeno ufficialmente, entrate lecite e capienti, tali da giustificare gli incrementi patrimoniali intercettati. Con il provvedimento in oggetto sono stati apposti i sigilli a:

4 imprese comprensive di capitale sociale e compendio aziendale;

14 immobili

4 terreni;

10 mezzi personali ed aziendali;

Vari rapporti finanziari, anche intestati a soggetti terzi individuati ed il cui valore complessivo è stato stimato – prudenzialmente – in 32 milioni di euro.

Giuseppe Lazzaro

Edited by, martedì 26 giugno 2018, ore 12,43.

 

(Visited 662 times, 1 visits today)