Op. “Gotha 7”: Rito ordinario, due condanne e un’assoluzione

   

Due condanne ed un’assoluzione sono state decise, dal tribunale di Barcellona, per tre imputati giudicati con il rito ordinario e coinvolti nell’operazione “GOTHA 7”, scattata il 24 gennaio 2018. Condannati a 13 anni il barcellonese CARMELO GIAMBO’ (foto in alto a sx) e a 8 anni l’ex consigliere comunale di Milazzo SANTINO NAPOLI (foto in alto a dx), assolto GIOVANNI RAO, di Castroreale, che resta in carcere per altra causa…

Due condanne, per il barcellonese Carmelo Giambò e l’ex vice presidente del consiglio comunale di Milazzo Santino Napoli ed un’assoluzione sono state decise dal collegio giudicante del tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto (presidente Antonino Orifici, a latere Anna Elisa Murabito e Silvia Maria Spina) che ha assolto, perché durante il dibattimento non è stata raggiunta la prova della sua colpevolezza, Giovanni Rao, di Castreoreale, considerato tra i capi promotori della “famiglia mafiosa dei barcellonesi”, allo stato ristretto per altra causa.

Giovanni Rao

Con la sentenza, al termine del processo con il rito ordinario scaturito dall’operazione antimafia “Gotha VII”, la condanna più alta, a 13 anni di reclusione, è stata determinata per Carmelo Giambò, riconosciuto colpevole delle estorsioni commesse, con modalità mafiose, ai danni di una importante attività commerciale di Milazzo. L’altra condanna, a 8 anni, per la sola accusa di concorso in associazione mafiosa, è stata pronunciata nei confronti dell’ex vice presidente del consiglio comunale di Milazzo Santino Napoli, infermiere professionale, più volte consigliere comunale. Ad accusarlo vi sono stati ben tredici collaboratori di giustizia di cui gli ultimi tre, Aurelio Micale, Alessio Alesci e Biagio Grasso, che hanno testimoniato nel corso del processo. All’udienza preliminare per la “Gotha VII”, scattata il 24 gennaio 2018, gli imputati erano 51. Di questi solo 8 scelsero il rito ordinario, tanto da essere rinviati a giudizio dinanzi al Tribunale di Barcellona per la prima udienza del 18 febbraio 2019 e con il dibattimento in corso. Di questi 8 imputati, dopo le ultime scelte operate in corso di giudizio lo scorso primo giugno, sono rimasti solo in tre. Il resto è visibile in archivio scorrendo sul link Cronaca.

         Giuseppe Lazzaro

Edited by, giovedì 23 luglio 2020, ore 15,32. 

 

(Visited 144 times, 1 visits today)