S.Agata Militello: Caserma dei VV.FF., trovata la soluzione con l’ex mattatoio a Pianetta

L’amministrazione comunale di Sant’Agata Militello ha individuato nella sede dell’ex mattatoio (foto in alto), di contrada Pianetta, la possibile soluzione per allestire la nuova caserma dei vigili del fuoco e allontanare il pericolo che il presidio, a causa della fatiscenza degli attuali locali, possa essere trasferito a Capo d’Orlando…

Il Ministero dell’Interno ha chiesto al comune di Sant’Agata Militello di valutare la possibilità di formalizzare la proposta della cessione  definitiva, a titolo gratuito non oneroso, dell’ex mattatoio di contrada Pianetta per la caserma del distaccamento del corpo dei vigili del fuoco ed il che scongiurerebbe il pericolo di trasferimento del presidio a Capo d’Orlando. Il comune, nel riscontrare la nota del 3 ottobre scorso del comandante provinciale dei vigili del fuoco di Messina con cui si chiedeva di segnalare la disponibilità di immobili demaniali utili all’allocazione di nuove sedi di servizio per i distaccamenti  permanenti dei vigili del fuoco del territorio provinciale, ha fatto presente al Comando che già da tempo era stata avviata un’attività di ricognizione al fine di individuare la collocazione di una migliore e più funzionale ubicazione del distaccamento sul territorio comunale santagatese.

“Al riguardo e di concerto con i tecnici del dipartimento regionale dei vigili del fuoco – scrive il sindaco Carmelo Sottile in una nota – è stata individuata l’area di contrada Pianetta dove è presente un edificio comunale, realizzato negli anni ‘90, un tempo adibito a mattatoio comunale che, attraverso un intervento di ristrutturazione e rifunzionalizzazione, soddisfa tutti i requisiti richiesti. Per il suddetto immobile, attraverso una attività di collaborazione tra il personale  tecnico del Comando provinciale e dell’Ufficio Tecnico comunale, è stato predisposto un progetto preliminare denominato “Lavori di ristrutturazione e rimodulazione delle aree dell’ex mattatoio comunale da adibire a caserma dei vigili del fuoco”, il cui importo complessivo ammonta a 1 milione di euro inserito nel Programma Triennale delle Opere Pubbliche approvato dal consiglio comunale ilo 3 novembre scorso”. L’amministrazione comunale, a tale proposito, già nella stessa nota ha dimostrato la propria disponibilità alla compartecipazione e alla realizzazione dell’intervento mediante la concessione in uso gratuito, anche in via definitiva, dell’immobile e del relativo terreno circostante, qualora il Ministero dell’Interno, nell’ambito della programmazione degli interventi infrastrutturali sul territorio, preveda di eseguire gli interventi di adeguamento e funzionalizzazione dell’immobile così come previsti nel progetto. La nuova allocazione si trova nei pressi dell’elipista realizzata  dalla protezione civile di cui sono in corso le prescrizioni necessarie per ottenere l’autorizzazione per l’utilizzazione anche nelle ore notturne. La direzione regionale dei vigili del fuoco, il 22 novembre aveva girato al Ministero dell’interno – dipartimento dei Vigili del fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa – la stessa nota in cui propriamente si rappresentava la disponibilità del comune di Sant’Agata Militello alla concessione in uso gratuito del terreno e dell’immobile dell’ex mattatoio comunale. Caso vuole che, nella giornata di ieri, è giunta la nota con cui il Ministero dell’interno, dimostrando interesse alla  sopraddetta segnalazione di disponibilità, ha chiesto al Comune di Sant’Agata Militello di valutare la possibilità di formalizzare la proposta di cessione definitiva del fabbricato di cui sopra a titolo non oneroso a favore del proprio Dipartimento di vigili del fuoco, soccorso pubblico e della difesa, considerato che i lavori di manutenzione straordinaria non possono essere effettuati dall’amministrazione statale per immobili di non proprietà. Lo stesso Ministero altresì ha precisato che qualora non vi sia la disponibilità alla cessione a titolo non oneroso dell’immobile, il comune di Sant’Agata dovrà indicare l’ammontare del valore di vendita evidenziando che lo stesso dovrà in ogni caso essere sottoposto alla congruità dalla locale direzione regionale del demanio avvertendo che questa ulteriore strada da seguire per la complessità delle procedure potrebbe avere tempi più lunghi.

            Giuseppe Lazzaro

Edited by, mercoledì 29 novembre 2017, ore 15,00. 

 

 

(Visited 883 times, 1 visits today)