S.Agata Militello: Decreto ingiuntivo (oltre 7,5 milioni) dalla disciolta Ato 1. Il Comune si difende e farà opposizione

Una società in liquidazione da tempo e che ancora pretende. Non è la prima volta che l’Ato Me 1 presenta decreti ingiuntivi, questa volta contro il Comune di Sant’Agata Militello, pretendendo il pagamento di oltre 7,5 milioni di euro. Immediata la risposta con l’assessore al Bilancio ANTONIO SCURRIA (foto in alto) che annuncia l’opposizione del Comune e l’azione legale contro la stessa Ato 1 per riscuotere 1.200.000 euro di crediti pregressi…

È stata notificata nei giorni scorsi al Comune di Sant’Agata Militello l’istanza per decreto ingiuntivo avanzata dalla società Ato Me 1 spa (il consorzio che serviva 33 comuni dei Nebrodi nella gestione della raccolta dei rifiuti) in liquidazione con la quale si pretende il pagamento di 7.548.403,92 euro per crediti presunti inerenti servizi resi in anni precedenti.
“Alla luce delle nostre scritture contabili, le richieste della società Ato Messina 1 appaiono pretestuose e palesemente infondate – commenta l’assessore al bilancio Antonio Scurria –. Il giudice adito della Sezione Civile del Tribunale di Palermo, ha peraltro respinto la richiesta di provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo, nonostante la espressa domanda in tal senso formulata dalla società d’ambito in liquidazione. Ovviamente, proporremo opposizione alle richieste creditorie avanzate e, contestualmente, avvieremo azione legale per riscuotere i crediti, per oltre 1.200.000 euro, vantati dal comune e che la società non ha mai onorato. Trattandosi di società partecipata – conclude l’assessore Scurria – attiveremo, inoltre, in qualità di socio, ogni accertamento consentito dalla legge in ordine alla regolarità ed alla legittimità di tutti gli atti di gestione societaria, ponendo in essere, ove occorra, ogni conseguente azione a tutela dei superiori interessi pubblici”.

Giuseppe Lazzaro

Edited by, venerdì 22 maggio 2020, ore 16,37. 

(Visited 853 times, 1 visits today)