S.Agata Militello: L’Ato 1 recapita al Comune una tariffa di oltre 823.000 euro! Scurria:”E’ un paradosso”

Non c’è più limite all’azione che sta facendo, contro gli utenti, la fallita società (in liquidazione), Ato 1, che gestiva il servizio dei rifiuti in 33 centri. Al Comune di Sant’Agata Militello è stata recapitata (in alto) una tariffa di oltre 823.000 euro per il pagamento della TIA nel periodo 2008/2012. La dura risposta dell’assessore al bilancio ANTONIO SCURRIA…

Ormai siamo su “Scherzi a parte” ma invece è amara realtà quella che comuni e utenti dei 33 centri che erano consorziati con la fallita società Ato 1, da Capo d’Orlando a Tusa attraverso il comune capofila Sant’Agata Militello, stanno vivendo. Sempre richiedendo il pagamento della TIA, la Tariffa di Igiene Ambientale, per il periodo 2008/2012, è stata recapitata una maxi-bolletta da oltre 823.000 euro inviata dalla società d’ambito in liquidazione al Comune santagatese. E quindi?

“La vicenda – commenta l’assessore al bilancio Antonio Scurria (foto in alto) – rasenta il paradosso e voglio credere che si tratti solo di uno spiacevole errore. E’ notorio che gli immobili comunali sono, per espressa previsione regolamentare, esentati dal pagamento della tariffa. Per tale ragione, se le fatture non verranno annullate direttamente dall’Ato 1, contesteremo le stesse in ogni sede consentita, a tutela degli interessi dell’Ente. Se qualcuno pensa di chiudere i bilanci della società in liquidazione con siffatte, discutibili, azioni ha sbagliato di grosso”.

           G.L.

Edited by, mercoledì 9 ottobre 2019, ore 15,01.

(Visited 8.556 times, 1 visits today)