S.Stefano Camastra: Rapina a commerciante di pesce, eseguiti 3 arresti

Tre persone di Bagheria (due del centro ed una della frazione di Aspra) sono state arrestate stamane dai carabinieri della Compagnia di Mistretta in quanto accusate di rapina aggravata, lesioni personali gravissime e porto di strumenti atti ad offendere. L’episodio incriminato risale al 29 giugno 2018 quando venne rapinato un commerciante di pesce di Milazzo allo svincolo della A20 di S.Stefano di Camastra…

I carabinieri della Compagnia di Mistretta, in collaborazione con quelli di Bagheria, all’alba di oggi, a Bagheria e Aspra (frazione di Bagheria), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Patti Eugenio Aliquò, su richiesta del sostituto procuratore Alessandro Lia, nei confronti di tre persone ritenute responsabili di rapina aggravata, lesioni personali gravissime aggravate dall’uso di corpi contundenti e porto di strumenti atti a offendere.

In particolare i tre arrestati sono gravemente indiziati di essere gli autori della rapina a mano armata subita da un commerciante di pesce, originario di Milazzo, il 29 giugno 2018 nei pressi dello svincolo autostradale di Santo Stefano di Camastra che faceva rientro dal mercato ittico di Porticello a Palermo. Le persone arrestate sono Filippo Fazio, 46 anni, di Bagheria, Francesco Asciutto, 33 anni, di Bagheria e Salvatore Calafiore, 40 anni, di Aspra. Come è emerso dalle indagini l’uomo è stato aggredito dai tre, con calci e pugni, per una spedizione punitiva in quanto si era rifiutato di consegnare una somma di denaro a uno degli aggressori. Dopo essere stato pestato a sangue, anche con un bastone e una chiave inglese, il commerciante è stato derubato di un furgone, 2.000 euro in contanti, dei documenti e del proprio cellulare. E’ emerso dalle indagini che uno degli aggressori alcuni mesi prima avrebbe dovuto consegnare a domicilio un tonno del valore di circa 900 euro. In prossimità del casello della A20 di Milazzo, però, la guardia di finanza gli ha sequestrato il furgone e il pesce, multando il trasportatore per 8.000 euro. Il pesce, quindi, è finito al macero ma, ciò nonostante, il trasportatore ha preteso dall’acquirente, il commerciante milazzese, il pagamento della merce e la somma corrispondente al verbale della guardia di finanza. L’acquirente ha accettato di pagare il tonno, mai consegnatogli, ma si è rifiutato di rimborsare l’importo del verbale, cioè 8.000 euro. Qualche mese dopo è stata organizzata la spedizione punitiva contro il 41enne per recuperare il denaro.

           Giuseppe Lazzaro

Edited by, venerdì 8 febbraio 2019, ore 12,19.

 

(Visited 502 times, 1 visits today)