Salute&Benessere: Covid. Vaccini, test e serenità

Uno sguardo al futuro e all’anno nuovo con ottimismo. La dottoressa ISABELLA SALVIA, nutrizionista con studio in Torrenova ed esperta di medicina in generale, da oltre tre anni conduce la rubrica di grande successo “Salute&Benessere” e, nell’ultimo servizio del 2020 (181 in totale), saluta gli affezionati lettori guardando al nuovo anno positivamente, ovviamente per il Covid e la speranza riposta nei vaccini.

Considerato che i prossimi venerdì sono quelli dei giorni di Natale e Capodanno, la rubrica “Salute&Benessere” va in pausa festività e riprenderà l’8 gennaio 2021…

In attesa del “Vaccine Day”, il giorno europeo del vaccino, in queste ore abbiamo saputo che in Sicilia avremo oltre 129mila dosi di vaccino come prima assegnazione. La vaccinazione avverrà per tutti su base volontaria, ma sarà importante vaccinare i soggetti più a rischio. Vaccinarsi, per gli operatori sanitari, specie per coloro che sono più esposti al rischio di contrarre il virus, non è solo un interesse per la salute personale, ma anche un dovere deontologico per non diventare veicolo d’infezione.

Parallelamente, negli Stati Uniti d’America è stato annunciato un test antigene per il Covid-19 da comprare e farsi a casa in totale autonomia, senza prescrizione medica. È questo il nuovo traguardo dei test, autorizzato martedì dalla FDA (la famosa “Food and Drug Administration”), che potrebbe rilevare ben il 95% delle infezioni e potrebbe ulteriormente farci vivere meglio nell’imminente 2021.

Le prospettive sono certamente per un 2021 migliore rispetto all’anno che sta per terminare. Oggi dovremmo immaginare di trasformare queste feste in un’opportunità. Possiamo considerarle una delle tappe del lungo viaggio che come collettività stiamo affrontando per uscire da questa situazione. Un viaggio un po’ più interiore che serve ad attraversare questa fase di spaesamento e incertezza. Da sempre, nella nostra vita, il Natale ha fatto rima con serenità, allegria, pace, voglia di stare insieme alla famiglia. Dobbiamo comunque ammettere che, negli anni, per molti il periodo natalizio equivaleva ad un aumento dello stress, allo sforzo immenso di cucinare, preparare e presentarsi felici. Non dimentichiamoci che il Natale era spesso associato a fattori come la paura di essere sopraffatti dai tanti impegni, dall’idea per chi lavorava che il mondo finisse entro l’anno dovendo concludere tutto prima, dalla grande accelerazione natalizia, dal circolo vizioso di impegni e convenzioni sociali. L’effetto collaterale del Natale, per molte persone, era un gran senso di stress e fatica. Molti, in realtà, avrebbero preferito saltare a piè pari tutti i giorni che vanno da metà dicembre al 6 gennaio, per ripartire da zero e rilassarsi.

Questo Natale 2020 sarà diverso e ci offre comunque grandi opportunità. Non potremo stare molto insieme, ma potremo rilassarci di più. Potremmo essere più sereni e vivere con i nostri congiunti in casa un Natale più raccolto e intimo, con meno occasioni conviviali, meno shopping, meno frenesia. Ci saranno con la serenità anche aspetti positivi. Partiamo dall’idea di non dover fare obbligatoriamente tanti regali, di non dover incontrare qualche familiare sgradito, di non dover fare quella scorpacciata di incontri pre-natalizi, natalizi e post-natalizi con parenti e colleghi di lavoro. Anche il Natale dobbiamo considerarlo come una delle tappe del lungo viaggio che come collettività stiamo affrontando per uscire da questa situazione. Un viaggio di serenità un po’ più interiore per attraversare questa fase di spaesamento, incertezza, cambio di molte consuetudini del nostro vivere dovute al distanziamento imposto da questa emergenza sanitaria.

Dalle prossime settimane, inizieremo a valutare, su questa rubrica, l’opportunità di concentrarci su una alimentazione sana e bilancia, che è lo strumento principe della prevenzione sanitaria. Oggi, augurando a tutti i miei affezionati lettore un SERENO NATALE, auspico che proprio nella serenità si possa trovare, come regalo sotto l’albero, la forza per ripartire in salute nel 2021!

Eventuali quesiti o temi d’interesse mi potranno essere segnalati su Facebook alla pagina “Dott.ssa Isabella Salvia – Biologa Nutrizionista” o tramite WhatsApp al 320 6556820.

Isabella Salvia

I contenuti di questo articolo hanno esclusive finalità informative e divulgative, non essendo destinati ad offrire consulenza medica/nutrizionale personale. La dottoressa Isabella Salvia consiglia sempre di rivolgersi ad un professionista qualificato della nutrizione (un biologo nutrizionista, un medico dietologo o un dietista) per ricevere un piano alimentare personalizzato, redatto sulla base di una diagnosi individuale, sia per soggetti sani che per le persone affette da patologie accertate.

Edited by, venerdì 18 dicembre 2020, ore 20,24. 

(Visited 144 times, 1 visits today)