Salute&Benessere: La Provola dei Nebrodi è D.O.P.

Abbiamo già pubblicato in passato che, grazie soprattutto all’operato dell’attuale consigliere comunale e al tempo sindaco di Floresta NELLO MARZULLO, la Provola dei Nebrodi, che ha radici nel centro nebroideo, ha ottenuto il marchio D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta). Adesso, per il piano di alimentazione e per chi fa la dieta, la dottoressa ISABELLA SALVIA, nutrizionista con studio in Torrenova, illustra doti e qualità della Provola dei Nebrodi nella puntata n. 114 della rubrica “Salute&Benessere”…

Luglio 2019 si è concluso con una bella notizia per la nostra Sicilia: la Provola dei Nebrodi è ufficialmente una Denominazione di Origine Protetta (D.O.P.), già protetta transitoriamente a livello nazionale con specifico Decreto Ministeriale. La Provola dei Nebrodi è un formaggio siciliano, prodotto in diversi centri delle provincie di Catania, di Enna e principalmente di Messina. Come avevo scritto nella puntata n.100 di questa rubrica su una possibile Dieta dei Nebrodi (http://www.glpress.it/salutebenessere-puntata-n-100-una-dieta-dei-nebrodi/), la Provola dei Nebrodi, già inserita tra i Presìdi Slow Food, è un tradizionale caciocavallo siciliano prodotto artigianalmente dai casari dei nostri Nebrodi con latte vaccino e caglio d’agnello o di capretto. Prima della filatura la pasta è manipolata a lungo con una tecnica simile a quella usata per impastare il pane. È un ottimo formaggio da tavola, utilizzato anche come ingrediente in alcuni nostri piatti tipici. Acquisisce tutte le proprietà nutrizionali del latte prodotto da animali che vivono in zone incontaminate.

E’ bene ricordare che la Denominazione di Origine Protetta è un marchio di tutela giuridica della denominazione attribuito dall’Unione Europea agli alimenti le cui peculiari caratteristiche qualitative dipendono essenzialmente o esclusivamente dal territorio in cui sono stati prodotti. Affinché un prodotto sia DOP, le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione devono avvenire in un’area geografica delimitata. Chi fa prodotti DOP deve attenersi alle rigide regole produttive stabilite nel disciplinare di produzione. Il rispetto di tali regole è garantito da uno specifico organismo di controllo. Il marchio DOP è quindi una garanzia per noi consumatori, così come per i produttori, che saranno garantiti da specifici controlli di qualità. La Provola dei Nebrodi diventa quindi un’eccellenza siciliana tutelata a livello europeo.

E’ bene poter degustare, consumandone le giuste quantità, i prodotti della nostra Sicilia, proprio come una fettina di Provola dei Nebrodi! Dobbiamo tutti noi farci portavoce di questo pensiero orientato ad un regime alimentare sano e bilanciato. Lo dobbiamo fare per la nostra salute e per la salute dei nostri cari.

Concludo ricordandovi quanto ripeto da oltre due anni, è certamente opportuno non abusare mai di un singolo alimento, né esagerare sulle quantità, principalmente per coloro che hanno patologie accertate. In casi di difficoltà, piuttosto che spendere soldi in inutili “pillole magiche”, è bene rivolversi ad un professionista della nutrizione, come un biologo nutrizionista, per trovare la migliore dieta ricca di tutti i micronutrienti necessari, sulla base di una diagnosi individuale.

Eventuali quesiti o temi d’interesse mi potranno essere segnalati su Facebook alla pagina “Dott.ssa Isabella Salvia – Biologa Nutrizionista” o tramite WhatsApp al 320 6556820.

Isabella Salvia

I contenuti di questo articolo hanno esclusive finalità informative e divulgative, non essendo destinati ad offrire consulenza medica/nutrizionale personale. La dottoressa Isabella Salvia consiglia sempre di rivolgersi ad un professionista qualificato della nutrizione (un biologo nutrizionista, un medico dietologo o un dietista) per ricevere un piano alimentare personalizzato, redatto sulla base di una diagnosi individuale, sia per soggetti sani che per le persone affette da patologie accertate.

Edited by, venerdì 2 agosto 2019, ore 19,12.

(Visited 322 times, 1 visits today)