San Marco d’Alunzio: S.P. 160, situazione grave e preoccupante. Sindaco non risponde, la minoranza va a Messina

foto-1

Appare grave la situazione sulla strada provinciale 160, all’altezza della contrada di Desa a San Marco d’Alunzio (foto in alto e in basso) che, a causa dell’alluvione dell’ottobre 2010, presenta evidenti segni di smottamento e di rischio reale della carreggiata. Le battagliere consigliere di minoranza FEDERICA ARCODIA, BEATRICE FIOCCO e FABIANA DONATELLA MUSARRA, avevano sollecitato il sindaco DINO CASTROVINCI con una interrogazione il 25 novembre scorso ma, non avendo risposta, adesso si rivolgeranno alla ex Provincia…

foto-strada

Appare grave la situazione sulla strada provinciale 160, all’altezza della contrada di Desa che, a causa dell’alluvione dell’ottobre 2010, presenta evidenti segni di smottamento e di rischio reale della carreggiata. La strada provinciale collega San Marco d’Alunzio ai paesi limitrofi e, oltre ad essere percorsa quotidianamente da centinaia di persone che si recano nei luoghi di lavoro e dai ragazzi che frequentano le scuole secondarie di secondo grado, rappresenta l’unica via di accesso al paese per i mezzi pesanti. I consiglieri del gruppo di minoranza “Una mano per San Marco” – Federica Arcodia, Beatrice Fiocco e Fabiana Donatella Musarra -, il 25 novembre scorso avevano sottoposto il problema all’attenzione del sindaco Dino Castrovinci e degli uffici competenti richiedendo di valutarne il reale pericolo, sollecitando anche l’intervento degli altri Enti interessati. Dopo la mancata risposta all’interrogazione nei tempi stabiliti, che è da considerarsi a tutti gli effetti una mancata risposta a tutta la cittadinanza, e ritenendo che la situazione possa peggiorare con il passare del tempo, i consiglieri di minoranza hanno segnalato la situazione agli uffici provinciali competenti, quelli della ex Provincia Regionale di Messina. Nello specifico, hanno chiesto una valutazione concreta della situazione che determini tempestivi interventi di messa in sicurezza, a vantaggio dei cittadini e, soprattutto, a tutela dell’incolumità pubblica.

          g.l.

Edited by, mercoledì 11 gennaio 2017, ore 16,05. 

(Visited 1.310 times, 1 visits today)