Terme Vigliatore: La scomparsa di Antonio Russo, la moglie indagata per omicidio

La Procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha iscritto nel registro degli indagati, con l’accusa di omicidio con l’aggravante del rapporto di “coniugio” e la distruzione, soppressione o sottrazione del cadavere in concorso con persone allo stato non identificate, ANNA SANTA CATANESI (foto in alto a dx), di Barcellona, in relazione alla scomparsa del marito ANTONIO RUSSO (foto in alto a sx), avvenuta da sei mesi. Della vicenda se ne è occupata, mercoledì, la trasmissione di Rai Tre “Chi l’ha visto?”…

Di Leonardo Orlando, da Gazzettadelsud.it

Anna Santa Catanesi, 76 anni, di Barcellona, conosciuta come “la mantide” della piana di Milazzo, è indagata dalla Procura di Barcellona per l’omicidio del marito Antonio Russo, 76enne al momento della scomparsa avvenuta dalla sua casa di Terme Vigliatore il 29 novembre scorso. Alla donna, che vive con la figlia Pina nella villetta intestata a quest’ultima e acquistata con i risparmi dell’uomo scomparso, si contesta di aver commesso il presunto omicidio con l’aggravante del rapporto di “coniugio” e la distruzione, soppressione o sottrazione del cadavere in concorso con persone allo stato non identificate. Ieri, nell’autorimessa del deposito giudiziario Barcellona, su disposizione della Procura diretta da Emanuele Crescenti, sono stati compiuti dai carabinieri del Ris di Messina accertamenti tecnici non ripetibili sulle due auto sequestrate solo qualche giorno fa, una Renault Modus intestata alla figlia della Catanesi e una Fiat Panda che apparteneva allo scomparso. Per l’indagata, difesa dall’avvocato Tommaso Calderone, agli accertamenti ha partecipato un consulente chimico, Rosanna Abbruzzo. Gli accertamenti sui campioni biologici prelevati proseguiranno. Accuse gravi per l’indagata che fanno riemergere un passato segnato da tragici fatti. Come quello più grave avvenuto nell’agosto 1991 quando la Catanesi aveva 47 anni, ad Adrano. La donna, infatti, fu arrestata e poi condannata a 16 anni per la morte dei coniugi Spitaleri, di cui era la badante, anche se si era spacciata per “infermiera”, i quali rilasciarono da un notaio una procura speciale che la nominava beneficiaria dei beni di famiglia. Qualche mese dopo improvvisamente i due anziani si ammalarono. Anna Santa decise di farli ricoverare in ospedali differenti. A distanza di poche ore marito e moglie morirono. Si scoprì che ad ucciderli fu un cocktail di farmaci somministrato in dose letale. Fatti, questi, di cui la Catanesi e sua figlia hanno parlato liberamente a “Chi l’ha visto?”, su Rai Tre, durante la trasmissione di mercoledì scorso dedicata alla ricerca dello scomparso. L’indagata era stata arrestata l’ultima volta nel marzo 2010 per una pena definitiva a 4 anni e 7 mesi, per circonvenzione d’incapace, truffa e appropriazione indebita di denaro, per aver raggirato nove anziani, la maggioranza dei quali risiedevano in paesi delle Madonie. La vicenda risale al novembre 1996 quando, con la complicità di altre tre persone tra cui la figlia, si sarebbe più volte recata in paesi madoniti compresi nel triangolo Cefalù, Castelbuono, Collesano, allo scopo di conoscere anziani soli, bisognosi di compagnia per poi appropriarsi dei risparmi.

Edited by, venerdì 22 maggio 2020, ore 14,00. 

(Visited 1.877 times, 1 visits today)