Tindari: La preghiera del Vescovo Guglielmo Giombanco a Maria SS. per la liberazione dal virus

Ecco la bellissima e intensa preghiera che il Vescovo della Diocesi di Patti, Mons. GUGLIELMO GIOMBANCO, ha scritto e rivolto, ieri sera nel Santuario del Tindari (foto in alto), alla BEATA VERGINE MARIA DEL TINDARI, per chiedere l’aiuto e la protezione della “Nigra sed formosa” non solo sulla Diocesi ma sull’Italia intera in tempi di emergenza sanitaria. Preghiera letta a conclusione del Rosario celebrato per l’occasione…

O Vergine Santa, nostra Madre Maria,

a Te ricorriamo in questo tempo di sofferenza e di angoscia.

A Te rivolgiamo, con la fiducia di figli, la nostra preghiera, che trova accoglienza nel Tuo cuore di Madre.

Ti preghiamo o Madre buona, libera tutti noi dal male dell’epidemia  che sta flagellando il mondo intero e le nostre famiglie.

Abbiamo tutti bisogno di Te!

Abbiamo bisogno della Tua carezza materna che infonde fiducia e coraggio.

Abbiamo bisogno del Tuo amore di Madre

che dona serenità.

Abbiamo bisogno di sentire la Tua presenza, segno della vicinanza della Madre che non abbandona i figli ed è sempre pronta a dare conforto e sostegno nei momenti difficili.

Tienici stretti fra le tue braccia come stringi il Tuo Figlio Gesù per non vacillare nel tempo della paura, della prova e del dolore.

Ti preghiamo, Madre dolcissima:

stai accanto a ciascuno di noi, come sei stata accanto al Tuo Figlio Gesù sotto la Croce e, in Lui, abbraccia tutti noi.

Tu che sei Madre, insegnaci ad accrescere la Fede nel momento del dolore, a testimoniare la speranza nell’incertezza, ad accendere nel cuore la luce dell’amore e ad accogliere il Tuo invito ad essere sereni,  pazienti, caritatevoli, fiduciosi, e ad affidarci a Dio come Ti sei affidata Tu.

Ti preghiamo per tutti coloro che sono impegnati, con spirito di sacrificio, a curare ed alleviare le sofferenze di tanti nostri fratelli.

Consola le famiglie che hanno perso i loro cari, e sii per tutti porto sicuro di salvezza nel comune naufragio.

A Te affidiamo la nostra supplica rivolta al Padre:

Liberaci o Dio da questo male e donaci la grazia di ritrovare la gioia di vivere e cantare per sempre le meraviglie del Tuo amore.

O Vergine Santa,

aiutaci a credere che dopo la notte viene l’aurora che annuncia un nuovo giorno.

Benedici il mondo intero, la nostra Italia e la nostra Diocesi, liberali dalle insidie del male e intona per tutti il canto della risurrezione da cui rinasce la vita.

O Madre del Tindari, prega per noi!

Prega perché arrivi il contagio della vera gioia e della speranza certa. Amen!

    GUGLIELMO, VESCOVO

Edited by, domenica 22 marzo 2020, ore 16,06. 

 

 

 

(Visited 716 times, 1 visits today)