Tuodi

Patti: Op. “Fake”. I nomi dei 93 rinviati a giudizio (inizio processo 9 gennaio 2015). Nell’udienza al Gup anche 5 proscioglimenti totali e 8 parziali, 2 riti abbreviati

op-fake-cartellone-blitz1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

maria-tindara-gullo1

 

 

 

 

 

 

 

Cinque proscioglimenti totali, 8 parziali, 2 imputati che saranno giudicati con il rito abbreviato il 24 ottobre, 93 rinviati a giudizio per un maxi-processo che si aprirà, davanti al tribunale di Patti in composizione collegiale, il 9 gennaio 2015. Questa la decisione del Gup di Patti MARIA PINA SCOLARO a conclusione dell’udienza preliminare scaturita dall’operazione “FAKE”, scattata a Patti il 7 marzo 2013 (in alto il cartellone del blitz). Tra i rinviati a giudizio tutte le dodici persone inizialmente raggiunte da provvedimenti cautelari, tra di loro anche l’ex “deus ex machina” della politica pattese, l’ex vice sindaco FRANCESCO “CISCO” GULLO. Tra i rinviati a giudizio, degli iniziali indagati, anche l’on. MARIA TINDARA GULLO (foto in basso), figlia (e non nipote come riportato in precedenza) del succitato “Cisco” Gullo, deputato nazionale del Pd. Quindi rinviati a giudizio anche l’ex sindaco di Patti GIUSEPPE VENUTO e l’ex segretario comunale, adesso segretario generale al Comune di S.Agata Militello, ROBERTO RIBAUDO. Rispetto al servizio pubblicato ieri, aggiunto l’elenco dei nomi di tutti i 93 imputati rinviati a giudizio…

Leggi tutto…

Capo d’Orlando: XXX edizione del Festival dei Nebrodi. Reportage fotografico di Giulio Schiavo

festival-2a-edite-e-critica-giornalistica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

festival-3a-edite

 

 

 

 

 

 

 

 

festival-aldo-casilli

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo avere pubblicato (vedere archivio) il dettagliato resoconto, ecco un ampio reportage fotografico della XXX edizione del Festival dei Nebrodi, svoltosi a Capo d’Orlando dal 30 maggio all’1 giugno. In alto tre foto, in basso altre quattordici immagini, tutto a cura del fotografo ufficiale GIULIO SCHIAVO. Sempre in basso è riportata la didascalia delle foto, abbiamo escluso i due vincitori poichè le loro immagini sono già state pubblicate nel servizio posto in archivio…

Leggi tutto…

Capo d’Orlando: XXX Festival dei Nebrodi. Vincono il duo Arena-Nicotra e Federica Puliafito. Ospiti amarcord. A Tony Cairoli il Premio Tano Cuva

1-edite

 

 

 

 

 

 

 

 

1-inedite4

 

 

 

 

 

 

 

 

tiziana-erminda

 

 

 

 

 

 

 

 

jessica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

mariel

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

maria-luisa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10388364_10203774847682701_257560776_n

 

 

 

 

 

 

 

 

librere

 

 

 

 

 

 

 

 

Un bagno di folla ha accompagnato, al cine-teatro “Rosso di San Secondo” di Capo d’Orlando, la serata finale della XXX edizione del Festival dei Nebrodi, rassegna canora creata, diretta e condotta da ALDO CASILLI, ormai un appuntamento storico e sempre in voga dal 1985. Proprio per questo l’organizzazione ha deciso di ridurre il numero dei concorrenti e dei finalisti per dare ampio spazio, in qualità di ospiti, a numerosi vincitori delle passate edizioni. Per la gara hanno vinto il duo ARENA-NICOTRA per il settore Canzoni Edite e FEDERICA PULIAFITO per le Canzoni Inedite. La decima edizione del Premio Tano Cuva è stata assegnata al pluricampione del mondo di motocross TONY CAIROLI. Ecco il resoconto della manifestazione, una autentica cronaca di quanto avvenuto e tutti i protagonisti. Nelle foto del fotografo ufficiale GIULIO SCHIAVO, dall’alto in basso: il presidente del consiglio comunale GIANFRANCO TIMPANARO con ALDO CASILLI sulla destra, premia CARMELO ARENA e BENEDICTA NICOTRA; il presidente della giuria, dott. SALVATORE MONASTRA, premia FEDERICA PULIAFITO; le conduttrici (da sx) TIZIANA CERAOLO ed ERMINDA ARDIZZONE; alcune ragazze che hanno sfilato per “Moda evolution”, in ordine: la stupenda JESSICA CONTI NIBALI, arrivata alle pre-finali di Miss Italia 2013; MARIALUISA TRUGLIO; MARIEL PICCOLO DI CALANOVELLA; CHIARA CERAOLO (è stata anche conduttrice); uno degli ospiti e vincitore del festival in passato, il cantautore orlandino MASSIMO LIBRERE. MERCOLEDI’ SERA, 4 GIUGNO, ULTERIORE SERVIZIO CON REPORTAGE FOTOGRAFICO SUL FESTIVAL…

Leggi tutto…

S.Agata Militello: Op. “Camelot”, chiuse le indagini. Sono 20 gli indagati, tra di loro anche il senatore Bruno Mancuso e il deputato e sindaco di Caprileone Bernadette Grasso

camelot-il-cartellone

 

 

 

 

 

 

 

 

rocca-elezioni-bernadette-grasso

 

 

 

 

 

 

mancuso-bruno

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono venti gli indagati a conclusione delle indagini preliminari relative all’operazione “CAMELOT” (foto in alto il cartellone del blitz con le otto persone inizialmente raggiunte da provvedimenti cautelari) sulla gestione della fase progettuale di alcune opere pubbliche a S.Agata Militello e scattata il 15 febbraio scorso quando venne eseguita dalla Squadra Mobile di Messina. Ai 19 nomi già noti, si aggiunge adesso quello dell’on. BERNADETTE GRASSO (foto al centro) che, nella qualità di sindaco del Comune di Caprileone, è accusata per un presunto episodio di peculato. Nell’elenco degli indagati anche un altro esponente politico di spicco dell’hinterland: il senatore ed ex sindaco santagatese BRUNO MANCUSO (foto in basso). Ecco il dettagliato servizio, i nomi dei 20 indagati ed i retroscena. Nel contempo avvisiamo i nostri lettori che, tra alcuni giorni, inizieremo a pubblicare i passi più importanti nonché relative intercettazioni telefoniche ed ambientali contenute nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip di Patti MARIA PINA SCOLARO. Lo faremo con un apposito link che chiameremo “Camelot” sulla nostra schermata…

Leggi tutto…

S.Agata Militello: A rischio il seggio di Rita Fachile. Accolto il ricorso di Enrico Natale, il 28 gennaio 2015 la decisione del Tar di Catania

natale-enricoex-assessore-sagata1

 

 

 

 

sagata-militello-elezioni-rita-fachile1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La terza sezione del Tar di Catania ha accolto il ricorso, decidendo di entrare nel merito, presentato dal dott. ENRICO NATALE (foto in alto), assistito dall’avvocato ANTONIO CATALIOTO, che contesta l’attribuzione del seggio, al consiglio comunale di S.Agata Militello, alla candidata della lista del Pd RITA FACHILE (foto in basso), che ha preso il posto di MARCO DONATO LEMMA, esautorato da un provvedimento prefettizio. Secondo il ricorrente il seggio doveva essere attribuito alla lista “Sant’Agata domani” nella quale il dott. NATALE ha raccolto 159 preferenze, piuttosto che al Pd. L’udienza decisiva si svolgerà il 28 gennaio 2015 ed il seggio della FACHILE è a rischio. Intanto pubblichiamo una nota inviata dall’avvocato LUANA GINA NATOLI che assiste la dottoressa FACHILE… Leggi tutto…

Op. “Coccodrillo”: Lo spaccio di droga a S.Stefano di Camastra e hinterland. Decise tre condanne e tre assoluzioni con il rito ordinario

16

 

 

 

Tre condanne e tre assoluzioni sono state decise dal collegio giudicante del tribunale di Patti a conclusione del processo, con il rito ordinario, relativo all’operazione “COCCODRILLO”, scattata il 25 maggio 2012 che ha scoperchiato un vasto traffico di droga in provincia di Messina e, per questa tranche, a S.Stefano di Camastra e hinterland. Le condanne, in totale, sono poco oltre i dieci anni e ben lontani dai 70 anni richiesti, un mese fa, a conclusione della requisitoria, dal pm GIUSEPPE VERZERA, sostituto procuratore della Dda di Messina, applicato al processo in quanto coordinatore dell’inchiesta condotta dai carabinieri. Foto in alto, i sei imputati (tra parentesi il verdetto per ognuno di loro), da sx: BENEDETTO CASSARA’ (assolto); SALVATORE TORCIVIA (assolto); LUIGI MAMMANA (condanna a 4 anni e 3 mesi); IGNAZIO VOLO (assolto); ANGELO DI FAZIO (condanna ad 1 anno e 6 mesi); LUANA RITA NICOSIA (condanna a 4 anni e 6 mesi). Ecco l’articolo in merito pubblicato su Gazzetta del Sud di oggi a firma del responsabile di questo sito, Giuseppe Lazzaro ed il riepilogo della sentenza dello scorso anno con il rito abbreviato (31 condanne per 227 anni di carcere) ed i 5 patteggiamenti…

Leggi tutto…

Capo d’Orlando: D.Vision parrucche, nostro nuovo sponsor. La presentazione

1-spazio_pubblicitario1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da ieri c’è un nuovo nostro amico sponsor sulla schermata di Gl Press. Si tratta di D.VISION, notissima parruccheria di via Piave a Capo d’Orlando, guidata dai parrucchieri professionali, i germani CARLA e SALVO GALIPO’. In questo caso D.VISION presenta la sua vastissima scelta di parrucche e sconti Irpef a seconda di determinante esigenze sotto riportate. Inoltre, cliccando sul logo apposito, si apre direttamente il sito internet www.divinaparrucchieri.it

Leggi tutto…

S.Agata Militello: Usura aggravata e tentata estorsione. Condannato a 4 anni e 10 mesi Franco Caiolo

caiolo-franco

 

 

 

 

 

 

 

 

Il collegio giudicante del tribunale di Patti ha condannato FRANCO CAIOLO (nella foto), di S.Agata Militello, alla pena di 4 anni e 10 mesi di reclusione. L’uomo è stato accusato di usura aggravata e tentata estorsione in danno di un piccolo imprenditore della zona, vicenda per la quale venne arrestato dai carabinieri nel settembre 2012…

Leggi tutto…

Capo d’Orlando: L’incidente mortale del febbraio 2012. Tre patteggiamenti ed un rito abbreviato all’udienza preliminare

13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

575849_575189485854847_162017856_n

 

 

 

 

 

 

 

 

Tre patteggiamenti ed un rito abbreviato, per due sorelle di Capo d’Orlando e due giovani di Brolo, sono stati decisi dal Gup di Patti INES RIGOLI al termine dell’udienza preliminare relativa all’incidente stradale avvenuto la notte fra il 18 e il 19 febbraio 2012, in località Testa di Monaco a Capo d’Orlando nel quale, nell’impatto tra una Smart ed una Alfa Romeo (foto in alto) perse la vita GESSICA STEFANIA CAMPANINO (foto in basso), 23 anni, di Terme Vigliatore mentre rimase ferita, riportando la frattura degli arti inferiori e di cinque costole, l’amica MELANIA CRISTINA SALAMONE, adesso parte civile insieme ai familiari della vittima. Ecco tutti i particolari, l’articolo con diverso formato si trova anche su Gazzetta del Sud di oggi a firma del responsabile di questo sito…

Leggi tutto…

Mafia Nebrodi: Confiscati beni per 200 milioni di euro all’imprenditore di Capizzi Mario Giuseppe Scinardo

scinardo-mario-giuseppe-225x300

 

 

 

 

 

 

 

 

confisca-scinardo-01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

confisca-scinardo-02

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come riportato ieri con una Ansa, la Corte di Cassazione ha confermato la confisca dei beni, eseguita dalla Dia di Catania e di Messina, per circa 200 milioni di euro di valore (foto al centro ed in seconda foto alcuni degli immobili confiscati), riconducibili all’imprenditore di Capizzi MARIO GIUSEPPE SCINARDO (foto in alto), ritenuto organico a Cosa nostra e a SEBASTIANO RAMPULLA, di Mistretta, deceduto quattro anni fa. Ecco i particolari ed i retroscena attraverso l’articolo pubblicato su Gazzetta del Sud, nelle pagine di cronaca regionale, a firma del responsabile di questo sito, Giuseppe Lazzaro…

Leggi tutto…