Capo d’Orlando: L’opposizione del “giacca e cravatta”, seduta e senza uscire fuori

E’ l’opposizione del “giacca e cravatta”, quella che sta seduta a tavolino, che sta su internet, guarda leggi e regolamenti ma che non va fuori a controllare l’ordinario e quello che non funziona o i servizi che vengono meno a cominciare dalla pulizia. Infatti l’ultima proposto del gruppo “CambiAmo Capo” (foto in alto i componenti) è una mozione per l’istituzione del Baratto Amministrativo…

E’ l’opposizione del “giacca e cravatta”, quella che sta seduta a tavolino, che sta su internet, guarda leggi e regolamenti ma che non va fuori a controllare l’ordinario e quello che non funziona o i servizi che vengono meno a cominciare dalla pulizia. Per esempio, due settimane fa, Gl Press ha segnalato il problema dell’illuminazione sul lungomare che l’amministrazione ha risolto il giorno dopo. Piccole ma importanti cose che la minoranza consiliare di Capo d’Orlando del gruppo “CambiAmo Capo” non si cura di attuare.

E, infatti, la proposta odierna dell’opposizione, riguarda il Baratto Amministrativo, non certo una novità e che tanti comuni hanno già proposto o attuato negli ultimi anni. Non dovevano essere i consiglieri di minoranza di Capo d’Orlando a scoprirlo.

Il Baratto Amministrativo è una delle proposte per venire incontro ai cittadini/contribuenti onerati dei tributi comunali ma in difficoltà economiche. La minoranza ha presentato una mozione per l’istituzione del Baratto Amministrativo che potrebbe garantire, a famiglie e imprese, in particolare per i contribuenti con un ISEE inferiore a 9.000 euro per onorare i debiti tributari con il Comune di Capo d’Orlando. Le somme da destinare al Baratto Amministrativo dovranno essere previste nel Bilancio di previsione, nel rispetto dell’art. 8 “Individuazione dell’importo complessivo del Baratto Amministrativo e limiti individuali” del Regolamento allegato alla mozione.

           g.l.

Edited by, lunedì 20 giugno 2022, ore 12,31. 

(Visited 586 times, 1 visits today)