Caprileone: La bolletta da 22.000 euro all’”Antica filanda” diventa un caso politico

Diventa un caso politico la vicenda sollevata da un imprenditore di Caprileone, NUNZIO CAMPISI (foto in alto), titolare del ristorante e sala ricevimenti “Antica filanda” a Caprileone, al quale è stata recapitata una bolletta di pagamento di quasi 22.000 euro per la fornitura dell’energia elettrica. Prende posizione l’Amministrazione comunale guidata dalla sindaca BERNARDETTE GRASSO…

Giuseppe Lazzaro, da Gazzetta del Sud

Diventa un caso politico la vicenda sollevata da un imprenditore di Caprileone al quale è stata recapitata una bolletta di pagamento di quasi 22.000 euro per la fornitura dell’energia elettrica. Si tratta di Nunzio Campisi, titolare del ristorante e sala ricevimenti “Antica filanda”, posta lungo la Strada Provinciale che collega Caprileone ai centri montani. Dopo l’incredulità, la rabbia e lo sconforto hanno preso il sopravvento. “Ho chiesto spiegazioni alla ditta che si occupa delle forniture per mio conto – dice Campisi -. La risposta è stata netta: non c’è nulla da fare. Mi è stato detto che c’è il rischio di ulteriori aumenti. Intanto, in un mese siamo passati da 24 a 50 centesimi al kilowatt/ora. Quindi, facendo un esempio per rendere più chiara la situazione, già 10 lampadine da 100 costano 50 centesimi l’ora. Negli anni pre-pandemia in media in un anno spendevo per l’energia elettrica dai 70 agli 80.000 euro. Quest’anno la previsione è di toccare quota 300.000 euro. Significa lavorare a vuoto, perché con tutte le spese, e non parliamo solo di fornitura elettrica, in questo modo non avremo nessun guadagno, anzi, ci stiamo rimettendo con i clienti con cui abbiamo chiuso contratti mesi fa e a cui non possiamo chiedere un rincaro per l’elettricità”. Sulla vicenda interviene l’Amministrazione comunale. “Siamo vicini alle famiglie e alle imprese nella morsa del caro bollette. Il più che lecito grido d’allarme lanciato da Nunzio Campisi è emblematico di una criticità che, a livello internazionale, non può più essere sottovalutata. Per quanto riguarda la nostra Amministrazione, come da programma elettorale di “Nuovi Orizzonti per Caprileone”, puntiamo forte su un progetto ambizioso che è già partito e che si fonda su uno scambio solidale. Abbiamo infatti già partecipato al bando per il contributo dello studio di fattibilità e auspichiamo che, nel più breve tempo possibile, si possa realizzare. Nel frattempo siamo al lavoro proprio perché ci rendiamo conto quanto il caro bollette incida sulle tasche di operatori economici e cittadini. Abbiamo già firmato un protocollo d’intesa con il Gal Nebrodi il cui compito sarà di coordinamento con altri soggetti che stiamo coinvolgendo (tra cui imprenditori e soggetti privati). Vogliamo fare squadra – conclude la giunta guidata dalla sindaca Bernardette Grasso – per generare uno scambio energetico incentrato sulla solidarietà”.

Edited by, giovedì 25 agosto 2022, ore 10,00. 

 

(Visited 1.475 times, 1 visits today)