Messina: Insieme per la bigenitorialità, venerdì 20 manifestazione a Messina

Davanti al Palazzo di Giustizia a Messina domani, venerdì 20 settembre, dalle ore 10 alle 13, l’associazione Genitori Per Sempre di Messina ha organizzato una manifestazione per sostenere il diritto fondamentale dei bambini di poter crescere con entrambi i genitori anche dopo la loro separazione, in una nuova prospettiva di equa e responsabile alleanza tra madri e padri. La manifestazione, parallelamente, si svolgerà in altre città italiane…

Continua a leggere…

 

Naso: Medaille Militaire attribuita a Edoardo Milio

Il presidente della Repubblica francese, EMANUEL MACRON, ha insignito della prestigiosa Medaille Militaire un cittadino di Naso, EDOARDO MILIO. Il tutto per quanto fatto nel corso della sua appartenenza alla Legione Straniera (in alto, nella foto d’archivio, Milio è sulla destra). Edoardo Milio è notissimo anche a Capo d’Orlando: negli anni ’70 e ’80 fu uno dei militanti di punta del M.S.I., un vero uomo di Destra…

Continua a leggere…

 

Tortorici: Avrebbe fatto prostituire la figlia di 14 anni, udienza preliminare per la madre il 2/10

Una donna di Tortorici è accusata di avere fatto prostituire la figlia minore di 14 anni facendola incontrare con alcuni uomini. Una grave accusa partita dalla segnalazione, alla Procura del Tribunale dei Minorenni di Messina, di una assistente sociale. L’indagata, assistita dall’avvocato GIACOMO PORTALE (foto in alto), ha reagito, respinto le accuse ed ha presentato una denuncia per calunnia nei confronti della stessa assistente sociale. Una vicenda tutta da chiarire e che avrà un primo sbocco il 2 ottobre con l’udienza preliminare davanti al Gup di Messina…

Continua a leggere…

 

Messina: Spararono per uccidere, arrestati due cugini

Spararono per uccidere ma la pistola si inceppò e questo salvò la vita di FRANCESCO CUSCINA’, sul Viale Giostra a Messina, la mattina del 25 agosto 2018. A distanza di tredici mesi i carabinieri hanno arrestato i presunti autori del tentato omicidio. Si tratta dei cugini PAOLO GATTO (foto in alto prima di essere portato in carcere) e GIUSEPPE CUTE’, rispettivamente figlio e nipote del capo del clan di Giostra GIUSEPPE “PUCCIO” GATTO ristretto al carcere duro. I particolari sono stati diffusi stamane dal Procuratore aggiunto di Messina ROSA RAFFA (al centro nella foto in basso con il comandante provinciale, colonnello LORENZO SABATINO ed un capitano)…

Continua a leggere…

 

Op. “Triade”: Dopo le 10 condanne definitive eseguiti 5 arresti

 

Dopo la decisione definitiva della Cassazione che ha confermato le dieci condanne sentenziate in appello sono scattati gli arresti per cinque ordini di carcerazione emessi dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Messina nell’ambito dell’operazione “TRIADE”. Si tratta di CARMELO GALATI MASSARO e ANTONINO COSTANZO ZAMMATARO, entrambi di Tortorici (foto in alto da sx), ANTONIO MUSARRA PECORABIANCA, di Tortorici, GIUSEPPE ARICO’, ambedue di Barcellona Pozzo di Gotto (foto in basso da sx). Successivamente arrestato anche il barcellonese FILIPPO BISCARI. La ricostruzione della vicenda…

Continua a leggere…

 

Messina: Anziana rapinata e violentata, arresto convalidato per i due minorenni

Sono emersi ulteriori, episodi, raccapriccianti nella ricostruzione di quanto, incredibilmente, avvenuto sabato pomeriggio scorso a Messina, vicino alla centrale via Tommaso Cannizzaro con una anziana di 90 anni aggredita, rapinata e violentata da due minori, uno di 17 e l’altro di 14 anni, accusati di tentato omicidio, rapina e violenza sessuale e per i quali il giudice ha convalidato l’arresto ed emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere…

Continua a leggere…

 

Rocca di Caprileone: Anziana smarrisce la borsa con 1.500 euro, rinvenuta e restituita dai carabinieri

Disavventura a lieto fine, ieri mattina, per una anziana donna di Gioiosa Marea salvata due volte dai carabinieri della Stazione di Rocca di Caprileone (foto in alto la caserma) che le hanno recuperato la borsa persa (all’interno 1.500 euro, carte di credito, assegni, telefonino) e poi pagatole il pedaggio al casello autostradale visto che aveva dimenticato i soldi a casa…

Continua a leggere…