Noto: Super truffa sul 110%, sequestrato resort di lusso da 13 milioni di euro

La guardia di finanza di Siracusa ha scoperto a Noto un’articolata truffa che ha consentito il sequestro preventivo di un resort (foto in alto) di circa 13 milioni di euro, importo corrispondente al valore dei beni immobili e dei crediti fiscali fittizi relativi al Superbonus 110%. Indagati i presunti responsabili. Il servizio sul link Sicilia News…

La guardia di finanza di Siracusa ha scoperto un’articolata truffa che ha consentito il sequestro preventivo di circa 13 milioni di euro, importo corrispondente al valore dei beni immobili e dei crediti fiscali fittizi relativi al Superbonus 110%. L’attenzione dei finanzieri si è rivolta a due contratti di compravendita immobiliari stipulati in qualità di acquirenti da una coppia di coniugi, risalenti al 2020 e al 2021 e aventi oggetto in entrambi i casi un fabbricato in stato di abbandono e l’annesso terreno agricolo a Noto.

Subito dopo la stipula del rogito è stata registrata all’anagrafe tributaria la costituzione di due condomini con sede nella provincia di Siracusa e Ragusa, di cui una signora (la moglie) risultava essere rappresentante; dopo avere ottenuto le prescritte autorizzazioni locali, sono stati avviati i lavori di ristrutturazione edilizia, con demolizione e ricostruzione degli immobili per trasformarli in strutture residenziali e turistico-ricettive. A fronte dei costi sostenuti i condomini hanno avanzato le richieste per il beneficio fiscale del Superbonus, ottenendo il riconoscimento di un credito pari al 110% di quanto speso per i lavori.

Sebbene tali pratiche amministrative non presentino alcun profilo di illegalità” i finanzieri hanno accertato “la fraudolenza di tale agire”. Infatti è stato riscontrato che prima della stipula dei due rogiti i coniugi hanno operato, senza averne ancora titolo e con l’ausilio di alcuni professionisti compiacenti, il frazionamento catastale dei due fabbricati mediante la costituzione di 118 nuovi subalterni rispetto ai 4 originari, con l’unica finalità, come le indagini hanno dimostrato, di ottenere un beneficio fiscale di gran lunga maggiore rispetto all’importo spettante. Al riguardo, la disciplina del Superbonus 110% consente di poter usufruire di un ammontare massimo per singola unità immobiliare pari 96.000 euro. Laddove infatti le proprietà non fossero state frazionate, con la costituzione (fittizia) dell’ente di gestione comune, gli indagati avrebbero potuto usufruire del beneficio per un massimo di sole quattro unità immobiliari per un totale, facilmente ricavabile, di poche centinaia di migliaia di euro. Tuttavia il frazionamento era meramente formale, vista l’assenza di una reale divisione (impianti elettrici, scarichi, condutture idriche) tra le costituenti unità immobiliari. Anzi, subito dopo l’avvio dei lavori è stato riscontrato che, relativamente a uno dei due fabbricati, su alcuni portali delle più importanti agenzie immobiliari nonché su alcune piattaforme social, veniva pubblicizzata la reale natura del frazionamento, che non era quella di costituire un condominio e suddividerlo in unità abitative bensì realizzare un resort wellness& spa di lusso, composto da appartamenti, un grande albergo, un’area multifunzionale, un ristorante e un centro benessere. In tal modo, mediante l’ausilio di professionisti, consulenti e delle società che avevano svolto i lavori, sono state realizzate due rilevantissime operazioni immobiliari speculative, finanziandole interamente a spese dello Stato. I presunti responsabili sono stati indagati ed è scattato il sequestro preventivo del complesso immobiliare del valore di oltre 8 milioni di euro, di crediti fiscali già concessi per 1,3 milioni di euro e di ulteriori 3,5 milioni di euro ancora in fase di riconoscimento, pronti per essere utilizzati in compensazione delle imposte dovute, generando un ingente danno all’erario.

            g.l.

Edited by, venerdì 3 maggio 2024, ore 9,34. 

(Visited 458 times, 1 visits today)