Petrosino (TP): Voto di scambio politico-mafioso, arrestati boss e consigliere comunale

Arriva a Petrosino, in provincia di Trapani, una delle inchieste della DDA di Palermo sui rapporti tra politica e mafia. Arrestati, per voto di scambio, il consigliere comunale MICHELE BUFFA e il boss MARCO BUFFA (tra i due nessuna parentela), ritenuto vicino all’ex latitante MATTEO MESSINA DENARO. Il servizio sul link Sicilia News…

I carabinieri del Comando Provinciale di Trapani hanno arrestato due persone per scambio elettorale politico-mafioso. Si tratta di Michele Buffa, consigliere comunale di Petrosino, per il quale sono stati disposti i domiciliari e di Marco Buffa, già coinvolto in inchieste di mafia, per cui il Gip del Tribunale di Palermo ha disposto il carcere. Il provvedimento nasce dalle indagini sulla latitanza di Matteo Messina Denaro che hanno portato, lo scorso 6 settembre 2022, all’arresto di 35 persone indiziate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, turbata libertà degli incanti, droga, porto abusivo di armi e gioco d’azzardo aggravati dal metodo mafioso.

Marco Buffa, già condannato per associazione mafiosa in via definitiva e per aver favorito la latitanza dei boss del mandamento di Mazara del Vallo, e arrestato dai carabinieri a settembre, avrebbe procurato voti al candidato al consiglio comunale di Petrosino, in cambio di soldi e dell’impegno del politico ad agevolare i clan. L’inchiesta è stata coordinata dal Procuratore di Palermo Maurizio De Lucia e dal Procuratore aggiunto Paolo Guido.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, nell’aprile del 2022, durante la campagna elettorale per le elezioni comunali a Petrosino, si sarebbero svolti incontri tra il mafioso e alcuni candidati. Marco Buffa avrebbe svolto una vera e propria campagna elettorale in favore dell’aspirante consigliere Michele Buffa anche accompagnandolo a casa dei potenziali sostenitori, soprattutto nei quartieri popolari. In cambio avrebbe avuto soldi, promesse di impiego nei lavori socialmente utili per sé e per altri mafiosi e assicurazioni di assunzioni di amici nell’azienda dove lavorava il candidato sponsorizzato.

Nell’inchiesta è indagato anche il presidente del consiglio comunale, Leonardo Caradonna. “Buffa, verosimilmente, aveva stretto un accordo anche con Caradonna, al quale l’associato mafioso ricordava i termini del patto – scrive il Gip nella misura cautelare -; o comunque si comprendeva che lo stesso Caradonna fosse perfettamente consapevole dell’esistenza di un accordo fra Marco Buffa e Michele Buffa in forza del quale il primo aveva svolto un vero e proprio lavoro per conseguire un risultato utile”. I carabinieri hanno eseguito due perquisizioni domiciliari e notificato avvisi di garanzia, sempre per scambio elettorale politico-mafioso, nei confronti di un altro rappresentante del consiglio comunale di Petrosino, anche lui sospettato di aver preso i voti dei clan, e di una persona che avrebbe assicurato comunicazioni riservate agli indagati.

        g.l.

Edited by, mercoledì 8 marzo 2023, ore 12,10. 

(Visited 222 times, 1 visits today)