Un “pizzino” svela caso di lupara bianca nell’ennese. Un arresto dopo 31 anni per l’omicidio di Franco Zanerolli

A trentuno anni di distanza è stato risolto un caso di lupara bianca avvenuto nel 1992 a Piazza Armerina (Enna) grazie al rinvenimento nell’abitazione di un esponente della criminalità organizzata ennese, nell’ambito di un’inchiesta antimafia, di un “pizzino”. La vittima era FRANCO ZANEROLLI, scomparso nel nulla l’1 agosto 1992 e, in carcere dove già si trovava per altra causa, è stato raggiunto dal mandato di arresto il presunto mandante, PIETRO BALSAMO (foto in alto). Il servizio sul link Sicilia News…

A trentuno anni di distanza è stato risolto un caso di lupara bianca avvenuto nel 1992 grazie al rinvenimento nell’abitazione di un esponente della criminalità organizzata ennese, nell’ambito di un’inchiesta antimafia, di un “pizzino” riconducibile alla scomparsa dell’uomo e che portava al presunto mandante del suo omicidio. Così i carabinieri hanno arrestato Pietro Balsamo per l’omicidio di Franco Zanerolli, scomparso a Piazza Armerina il primo agosto del 1992. Già era stata dichiarata per l’uomo la morte presunta.

Zanaroli era scomparso dal luogo di lavoro in una zona delle campagne piazzesi dove venne trovata la sua auto con le chiavi inserite. Nessun segno di colluttazione, tanto che gli inquirenti ipotizzarono che si fosse allontanato con qualcuno che conosceva. Recentemente le indagini, coordinate dalla Dda di Caltanissetta, sono state riaperte, dopo il ritrovamento del “pizzino”.

Pietro Balsamo, già condannato per reati associativi di stampo mafioso, e accusato di essere stato il mandante del delitto, è stato raggiunto dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere, dopo un primo rigetto della richiesta di misura da parte del Gip del tribunale di Caltanissetta, impugnato dalla Procura nissena e confermato sia dal Tribunale del Riesame, sia dalla Corte di Cassazione.

          g.l.

Edited by, giovedì 5 ottobre 2023, ore 14,15. 

(Visited 811 times, 1 visits today)