Messina: Riduce in fin di vita lo zio dopo una tentata estorsione da 20.000 euro, arrestato un 33enne

Un uomo di 50 anni di Messina si trova ricoverato in gravissime condizioni dopo essere stato aggredito e percosso dal nipote di 33 che è stato arrestato dalla Squadra Mobile con le accuse di tentato omicidio e tentata estorsione poiché avrebbe chiesto allo zio la somma di 20.000 euro. Il servizio…

La Polizia di Stato ha dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere emessa a carico di un 33enne indagato per tentato omicidio e tentata estorsione in danno dello zio. Nella serata del 24 febbraio scorso i sanitari di un nosocomio cittadino hanno segnalato il ricovero di un cinquantenne messinese giunto al pronto soccorso con gravissime ferite tanto da essere considerato in imminente pericolo di vita. L’uomo, con il volto palesemente tumefatto, fratture costali ed una importante lesione alla milza che ne ha comportato l’asportazione, ha riferito al medico di turno di essere stato percosso brutalmente per circa due ore dal nipote con pugni e con l’utilizzo di un martello. Secondo il racconto del malcapitato, durante l’aggressione, il nipote avrebbe preteso la consegna di 20.000 euro; richiesta che la vittima, pur di farlo smettere, avrebbe finto di accettare. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Messina e curate dagli investigatori della Squadra Mobile, sono state avviate immediatamente e hanno consentito di accertare come all’origine dell’aggressione vi fossero ragioni legate a pregressi dissidi familiari ed economici. L’episodio si inserisce in un contesto di rapporti familiari già deteriorati in cui non sono mancate, nel tempo, denunce per vicende simili seppur di minor gravità.

         g.l.

Edited by, mercoledì 15 marzo 2023, ore 15,01. 

(Visited 323 times, 1 visits today)