Promozione per meriti straordinari a Primo Dirigente della Polizia di Stato del dott. Mario Ceraolo

Dalle mani del Questore di Messina GABRIELLA IOPPOLO (foto in alto), il dott. MARIO CERAOLO, originario di Piraino, ha ricevuto la promozione per meriti straordinari alla qualifica di Primo Dirigente della Polizia di Stato. Il tutto su decreto firmato dal Capo della Polizia, LAMBERTO GIANNINI, per l’operazione, condotta alla perfezione dal dott. Ceraolo, il 28 gennaio 2013, a Milazzo, quando fu arrestato FILIPPO BARRESI, al tempo latitante, elemento di spicco della criminalità organizzata barcellonese…

Con decreto del 15 giugno 2022 a firma del Capo della Polizia, Prefetto Lamberto Giannini, il dott. Mario Ceraolo, originario di Piraino, è stato promosso per meriti straordinari alla qualifica di Primo Dirigente della Polizia di Stato con decorrenza dal gennaio 2013 in relazione alla direzione delle indagini che si conclusero con la cattura, a Milazzo, di un pericoloso esponente della criminalità organizzata barcellonese, Filippo Barresi (anni dopo deceduto per cause naturali), dopo una latitanza durata 19 mesi.

La notte del 28 gennaio 2013 il dott. Ceraolo, all’epoca dirigente del Commissariato P.S. di Barcellona Pozzo di Gotto, dopo una complessa attività investigativa, aveva individuato il latitante in un nascondiglio nel territorio di Milazzo arrestandolo, unitamente ad un suo complice, nel corso di un intervento con la Squadra investigativa del Commissariato barcellonese i cui componenti vennero poi premiati con l’encomio solenne. Una operazione condotta alla perfezione, senza bisogno di sparare un colpo e con il dott. Ceraolo che disse:”Filippo, sono Ceraolo, scendi, arrenditi e non facciamoci del male”. E così avvenne.

Nel provvedimento di promozione, nel sottolineare le “eccezionali capacità professionali e umane” del dott. Ceraolo, si evidenzia che “la cattura è stata effettuata in condizioni di pericolosità ed estrema difficoltà che avrebbero potuto determinare esiti ben diversi, data l’esposizione a rischio dell’incolumità personale da parte, soprattutto, del dirigente del Commissariato; ciò ad ennesima conferma della capacità professionale del dott. Ceraolo il quale ha messo in campo tutta l’esperienza, la lucidità, la freddezza che si sono dimostrate determinanti per il buon esito dell’operazione; il dott. Ceraolo ha corso – in quella occasione – un grave ed effettivo pericolo di vita, come risulta dalle modalità con le quali è personalmente giunto alla cattura del latitante nonché dello spessore criminale e dalla pericolosità sociale del mafioso arrestato”.

Al dott. Ceraolo, che oggi esercita la professione di avvocato ed è vice presidente vicario della FAI – Federazione delle Associazioni Antiracket Italiane -, il decreto di promozione è stato notificato dal Questore di Messina Gabriella Ioppolo che, nel corso di una breve cerimonia, tenutasi sabato mattina 6 agosto, si è congratulata per l’importante riconoscimento.

         Giuseppe Lazzaro

Edited by, domenica 7 agosto 2022, ore 10,40. 

 

 

(Visited 397 times, 1 visits today)