Barcellona P.G.: Mancato versamento dell’IVA, la GdF sequestra 3 milioni di euro ad una società del settore supermercati

Importante sequestro per reati fiscali, del valore di circa 3 milioni di euro, eseguito dai militari del Comando Provinciale della guardia di finanza di Messina, sulla scorta di attività ispettive eseguite dall’Agenzia delle Entrate peloritana – Ufficio Territoriale di Barcellona Pozzo di Gotto. La misura ablativa eseguita ha interessato i saldi dei conti correnti societari e del legale rappresentante, estesa inoltre alle quote societarie di sua proprietà ed unità immobiliari, fino all’intera concorrenza dell’importo. Il servizio…

GIUSEPPE LAZZARO

Importante sequestro per reati fiscali, del valore di circa 3 milioni di euro, eseguito dai militari del Comando Provinciale della guardia di finanza di Messina, sulla scorta di attività ispettive eseguite dall’Agenzia delle Entrate peloritana – Ufficio Territoriale di Barcellona Pozzo di Gotto. In particolare, il focus investigativo ha riguardato un’importante società messinese, attiva nella gestione di supermercati, presente in numerosi centri della fascia tirrenica della provincia. La grande distribuzione, come spesso documentato dalla cronaca giudiziaria, costituisce uno dei settori più sensibili con riferimento a possibili forme evasive, ovvero di omesso versamento delle imposte, anche e, soprattutto, in ragione dei significativi movimenti commerciali che ne caratterizzano l’operatività.

In tal senso le indagini sono state originate da una mirata attività di controllo tributario effettuato dalla locale Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate con la quale, peraltro, il recente 25 ottobre, Guardia di Finanza di Messina e Procura di Barcellona Pozzo di Gotto hanno siglato un importante accordo di collaborazione, avente proprio la finalità di rendere più tempestivi i flussi informativi in tema di reati tributari, riconoscendo al Corpo, in via esclusiva, la prerogativa di procedere all’esecuzione dei “provvedimenti di sequestro o confisca per equivalente, conseguenti alle notizie di reato inoltrate dall’Agenzia delle Entrate o altra Autorità Amministrativa”.

All’esito, pertanto, di successivi e specialistici approfondimenti effettuati dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Messina, si acquisiva alle indagini non solo come la società oggetto di approfondimento investigativo, in relazione al periodo d’imposta 2019, avesse omesso di versare l’imposta sul valore aggiunto per un ammontare pari a circa 3 milioni di euro, nonostante oggetto di corrispondente dichiarazione IVA presentata nel settembre 2020 ma, soprattutto, un evidente stato economico, secondo ipotesi d’accusa, fortemente dissestato.

Di qui la richiesta di sequestro avanzata dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto al competente giudice e, successivamente, l’intervento del competente Tribunale di Messina – Collegio per il Riesame che, con l’odierna ordinanza, ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, confermando le tesi sostenute dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto e, conseguentemente, disponendo l’assicurazione alle casse erariali e il recupero delle imposte sottratte a tassazione.

In concreto, la misura ablativa eseguita ha interessato i saldi dei conti correnti societari e del legale rappresentante, estesa inoltre alle quote societarie di sua proprietà ed unità immobiliari, fino all’intera concorrenza dell’importo oggetto dell’omesso versamento.

Si segnala, da ultimo, come l’azienda ispezionata risultasse, peraltro, già nota alla cronaca giudiziaria e agli organi giudiziari ed investigativi, per il suo pregresso coinvolgimento in significative attività di indagine, aventi ad oggetto la gestione monopolistica, da parte di una nota cosca di ‘Ndrangheta calabrese, proprio del remunerativo settore della grande distribuzione alimentare e delle attività economiche ad esso collegate.

Edited by, martedì 5 dicembre 2023, ore 10,31. 

(Visited 513 times, 1 visits today)