Brolo: Accusa ingiustamente una docente di pedofilia e pedopornografia, condannata a 1 anno e mezzo

Una donna originaria di Ucria ma residente a Brolo è stata condannata dal giudice monocratico del tribunale di Patti (foto in alto) MARIA LUISA GULLINO, ad 1 anno e 6 mesi di reclusione, con l’accusa di calunnia aggravata avendo accusato una professoressa di Gliaca di Piraino di compiere atti di pedofilia e pedopornografia…

Una donna originaria di Ucria ma residente a Brolo è stata condannata dal giudice monocratico del tribunale di Patti Maria Luisa Gullino, ad 1 anno e 6 mesi di reclusione, oltre al pagamento di una provvisionale di 8.000 euro in favore della parte offesa costituitasi parte civile, nonché ai maggiori danni, morali e materiali, da liquidarsi in sede civile ma solo, in questo caso, se la sentenza di condanna sarà confermata in appello e confermata in Cassazione. L’imputata, difesa dall’avvocato Alessandro Pruiti Ciarello, è stata accusata di calunnia aggravata nei confronti di una docente che insegna all’Istituto comprensivo “Anna Rita Sidoti” di Gioiosa Marea, avendola accusata di atti di pedofilia e pedopornografia.

Nello specifico, nell’ottobre 2018, la donna aveva spedito un esposto dall’Ufficio postale di Brolo, all’indirizzo della Procura di Patti, al Patronato scolastico e ad altri uffici, con firma falsa della madre di uno studente e con la quale accusava, appunto, la professoressa, oggi parte civile al dibattimento con l’assistenza dell’avvocato Domenico Magistro. Gli agenti del Commissariato di polizia di Patti, su delega della Procura, a seguito delle indagini svolte, scoprivano però quanto architettato dall’odierna imputata oltre che ad essere smascherata dalle telecamere di sorveglianza e da alcuni testimoni, come colei che aveva inviato, dall’Ufficio postale di Brolo, il suddetto esposto. Nel contempo le indagini stabilivano l’assoluta innocenza della docente, residente a Gliaca di Piraino, le cui accuse di pedofilia e pedopornografia si rivelavano infondate. E al dibattimento è emerso che l’imputata avrebbe architettato tutto per colpire la sorella dell’insegnante in quanto ex moglie del suo attuale compagno.

           g.l.

Edited by, giovedì 10 febbraio 2022, ore 17,26. 

 

 

(Visited 1.664 times, 1 visits today)