Caronia: Salvare Marina della mareggiate invernali, accorato appello al sindaco

Un comitato di cittadini lancia un accorato appello al sindaco di Caronia GIUSEPPE CUFFARI chiedendogli di attivarsi compiutamente con le istituzioni regionali per salvare il litorale, in pericolo con le mareggiate che arriveranno in inverno (foto in alto e in basso due esempi). Il servizio…

Cento e più cittadini di Caronia hanno rivolto ufficialmente un appello al sindaco Giuseppe Cuffari perché intraprenda “le necessarie azioni nei confronti delle Istituzioni regionali e tenere costantemente informati i cittadini sugli sviluppi e sulle tipologie di interventi progettuali che si intendono realizzare, per proteggere le abitazioni e le infrastrutture presenti” sull’intero lungomare del comune a Marina. L’appello, ampiamente documentato con dati e foto, vuole essere “un supporto fattivo nei confronti dell’attuale Amministrazione, per dare idee e forza nei riguardi delle Istituzioni regionali e trovare soluzioni veloci ed efficaci per la risoluzione delle problematiche, prima che avvengano danni irreversibili che comporteranno necessariamente soluzioni emergenziali (tipo barriere radenti di massi) non compatibili con lo stato dei luoghi e con gli interessi della comunità.

Il geologo Nicolò Rundo, cittadino caronese, illustra lo stato di fatto e chiede di intervenire con urgenza, per trovare una soluzione a questo annoso problema, che ogni anno diviene sempre più grave.

Sono passati ormai tre anni – scrive nella nota redatta dal professionista – da quando, a seguito di pericolose mareggiate del 2019, era stato avviato il cosiddetto “Contratto di Costa”, esattamente dal 30 gennaio 2020 quando, sul sito istituzionale della Regione Siciliana, era comparsa la seguente notizia: Contratto di costa “Tirreno” – Al via la gara per la progettazione esecutiva (https://www.regione.sicilia.it/…/contratto-costa…)”.

Da allora sono stati fatti pochissimi passi avanti e nessuna notizia è pervenuta ai cittadini interessati dal problema. La progettazione è stata effettivamente avviata ma il processo si è poi arenato per vari intoppi di tipo burocratico-istituzionali. L’unico intervento che nel frattempo è stato realizzato (ma già precedentemente finanziato) è quello relativo alla salvaguardia del tratto di strada in via Marco Polo (dal palazzo Lazzara verso il campo sportivo). Per la salvaguardia del lungomare e delle relative infrastrutture (in primis: il collettore fognario) è assolutamente necessario che l’Amministrazione si attivi formalmente nei confronti del commissario di governo per il contrasto del dissesto idrogeologico, attualmente unico interlocutore e attuatore del Progetto del contratto di Costa “Tirreno 1”, affinché si abbiano garanzie sulla fattibilità degli interventi necessari in tempi celeri.

          g.l.

Edited by, lunedì 18 settembre 2023, ore 11,44. 

(Visited 280 times, 1 visits today)