Milazzo: Furto e contrabbando di carburante al porto. Formulati i capi di imputazione per i 24 indagati

L’operazione della guardia di finanza, coordinata dalla Procura di Barcellona, era scattata lo scorso 28 luglio. Adesso si è all’avviso di conclusione delle indagini preliminare per i 24 indagati accusati di furto e contrabbando di carburante al porto di Milazzo (foto in alto). Il servizio…

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina stanno procedendo alla notifica, nei confronti di 24 indagati, dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, all’esito delle indagini sul furto e contrabbando di carburante illecitamente sottratto dai rimorchiatori operanti nel porto di Milazzo.

I capi d’imputazione, formulati dall’Autorità Giudiziaria per circa 700 episodi illeciti contestati, si basano sulla ritenuta sussistenza di gravi indizi in ordine a plurime ipotesi di reato: dal furto di carburante al contrabbando di gasolio esente da imposta di fabbricazione, con conseguente sottrazione al pagamento dell’accisa.

Il provvedimento è intervenuto al termine di complesse indagini eseguite dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Milazzo, che si sono avvalse anche di intercettazioni e di video riprese durante le quali sono state documentate le ripetute sottrazioni di ingenti quantità di gasolio dai mezzi navali che stazionano nel porto di Milazzo. In successione, i marittimi trafugavano il carburante, utilizzando taniche e contenitori vari, per destinarlo ad altri usi non consentiti. Durante le perquisizioni disposte dalla stessa Autorità Giudiziaria lo scorso luglio, le Fiamme Gialle rinvenivano e sottoponevano a sequestro parte del carburante illecitamente sottratto, nonché i contenitori utilizzati per l’occultamento.

          g.l.

Edited by, venerdì 15 dicembre 2023, ore 14,54. 

(Visited 302 times, 1 visits today)