Op. “Aspide”: Sanità a Trapani, appalti, nomine e concorsi pilotati. 10 arresti e 17 indagati

Bufera sulla sanità a Trapani (foto in alto la sede dell’Asp). La guardia di finanza ha fatto scattare l’operazione, denominata “Aspide”, dove sono complessivamente 17 le persone indagate con 10 di loro arrestate. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono corruzione, induzione indebita a dare utilità, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, truffa a ente pubblico, frode nelle pubbliche forniture, falsità ideologica e materiale commessa dal pubblico ufficiale, rivelazione di segreti d’ufficio, favoreggiamento personale e false attestazioni di presenza in servizio. Il servizio sul link Sicilia News…

Oltre 60 finanzieri del Comando provinciale di Trapani stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Trapani su richiesta della locale Procura, nei confronti di 13 indagati nell’ambito di un’inchiesta sull’Asp di Trapani. Due le persone in carcere, otto agli arresti domiciliari e tre sono state sottoposte all’obbligo di dimora. Nell’operazione, denominata “Aspide”, sono complessivamente 17 le persone indagate.

I reati ipotizzati, a vario titolo, sono corruzione, induzione indebita a dare utilità, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, truffa a ente pubblico, frode nelle pubbliche forniture, falsità ideologica e materiale commessa dal pubblico ufficiale, rivelazione di segreti d’ufficio, favoreggiamento personale e false attestazioni di presenza in servizio.

Le indagini, dirette dalla Procura di Trapani e delegate al Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza, avrebbero consentito di «disvelare un ormai collaudato meccanismo di addomesticamento e manipolazione di procedure di gara, pubblici concorsi e affidamenti di incarichi dirigenziali all’interno delle strutture sanitarie trapanesi attuato, in un contesto collusivo e secondo una logica clientelare, con la compiacenza di alcuni pubblici ufficiali».

Le indagini, avviate sulla regolarità di un bando di gara indetto dall’Asp di Trapani per la fornitura di attrezzature sanitarie necessarie per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19 da destinare ai reparti di terapia intensiva, secondo l’accusa avrebbero fatto emergere «significative carenze e condotte distorsive nella gestione e nello sviluppo della procedura d’urgenza bandita, andando quindi a turbarne la procedura di aggiudicazione a esclusivo vantaggio di una spa già contrattualmente legata all’Asp».

Secondo la Procura, «il demansionamento e la soppressione di strutture tipiche dell’Asp voluti dal management sanitario del tempo, avrebbero finito con l’attribuire i compiti di valutazione, progettazione, collaudo e predisposizione dei capitolati delle gare d’appalto in capo a una sola persona esterna all’amministrazione e contrattualmente legata alla spa, andando così sostanzialmente ad attribuire al controllato anche il ruolo di controllore».

I NOMI

In carcere sono finiti Giuseppa Messina, 64 anni, per il suo ruolo di Rup in una procedura negoziale, e Gioacchino Oddo, di 67 anni, direttore sanitario dell’Asp. Otto le persone ai domiciliari: Fabio Damiani, 56 anni, direttore generale dell’Asp; Antonella Federico, 39 anni, per il suo doppio ruolo di dipendente Althea Italia e di responsabile di commessa dell’Associazione Temporanea di Impresa su apparecchiature mediche che sarebbero risultate non conformi al capitolato d’appalto; l’imprenditore Giovani Iacono Fullone, di 57 anni, che avrebbe ricevuto informazioni su una procedura di gara; il direttore dell’Unità operativa complessa Centro salute globale Antonino Sparaco, di 62 anni, che avrebbe ricevuto l’incarico grazie all’interessamento di Oddo. Indagati e posti ai domiciliari per l’omessa comunicazione di una positività al Covid, il direttore sanitario di un laboratorio di analisi, Bartolomeo Gisone e Alberto Adragna, di 65 anni. Il Gip ha disposto i domiciliari pure per la 44enne presidente del consiglio comunale di Trapani Anna Lisa Bianco perché avrebbe saputo in anticipo i quiz della procedura straordinaria di assunzione prevista per l’emergenza Covid, favorendo due dei partecipanti. Stesso provvedimento per Attilio Giuseppe Bonavires, di 42 anni.

        g.l.

Edited by, lunedì 11 dicembre 2023, ore 10,13. 

(Visited 261 times, 1 visits today)