Op. “Gotha 7”: Le estorsioni nel milazzese. Due condanne (una ridotta) e una assoluzione confermata

La Corte d’Appello di Messina ha confermato la condanna a 13 anni di reclusione per il barcellonese CARMELO GIAMBO’ (foto in alto a sx), ridotta da 8 a 6 anni quella dell’ex vice presidente del consiglio comunale di Milazzo SANTINO NAPOLI (foto al centro) e confermato l’assoluzione per GIOVANNI RAO (foto in alto a dx), già ai vertici del clan mafioso dei “barcellonesi”. Il tutto in uno stralcio dell’operazione “Gotha 7”, scattata il 24 gennaio 2018. Al centro della vicenda le estorsioni praticate a noti imprenditori e commercianti milazzesi…

Restano in piedi due condanne ed un’assoluzione in Corte d’Appello per il processo stralcio dell’operazione antimafia “Gotha 7”. Imputati il barcellonese Carmelo Giambò, l’ex vice presidente del consiglio comunale di Milazzo Santino Napoli e Giovanni Rao, di Castroreale, già ai vertici del clan mafioso dei “barcellonesi”. Il collegio della sezione penale della Corte d’Appello di Messina (presidente Alfredo Sicuro), rigettando il ricorso della Procura e non accogliendo la richiesta di condanna, a 10 anni di reclusione, avanzata dal sostituto procuratore generale Felice Lima a conclusione della requisitoria, ha confermato la sentenza di assoluzione, “per non avere commesso il fatto”, emessa il 22 luglio 2020 dal collegio giudicante del tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto  (presidente Antonino Orifici, a latere Anna Elisa Murabito e Silvia Maria Spina) nei confronti di Giovanni Rao, che era accusato di estorsione aggravata dalle modalità mafiose ai danni della catena di profumerie “Principato&Bonanno” con sedi a Milazzo. Quindi, concedendo le attenuanti generiche, per Santino Napoli è stata ridotta la condanna a 6 anni rispetto agli 8 inflitti in primo grado e conferma integrale in appello dei 13 anni inflitti in primo grado per Carmelo Giambò, riconosciuto colpevole delle estorsioni con modalità mafiose ai danni di una importante, prendendo di mira il responsabile del centro commerciale “Milazzo” di contrada Faraone, Antonino Giordano.

All’udienza preliminare per la “Gotha 7”, scattata il 24 gennaio 2018, gli imputati erano 51. Di questi solo 8 scelsero il rito ordinario, tanto da essere rinviati a giudizio dinanzi al Tribunale di Barcellona per la prima udienza del 18 febbraio 2019 e con il dibattimento in corso. Di questi 8 imputati, dopo le ultime scelte operate in corso di giudizio l’1 giugno 2020, sono rimasti solo in tre. Il resto è visibile in archivio scorrendo sul link Cronaca.

         Giuseppe Lazzaro

Edited by, martedì 23 novembre 2021, ore 14,53. 

 

 

(Visited 310 times, 1 visits today)