Trapani: Bambino di 5 anni morto per peritonite acuta tre giorni dopo la visita. La famiglia chiede giustizia

Papà e mamma del piccolo GIORGIO, morto a soli 5 anni per una peritonite acuta, residenti a Trapani, si sono affidati all’avvocato MASSIMILIANO FABIO (foto in alto), del foro di Patti, per chiedere giustizia per quanto avvenuto l’anno scorso. Il pm ha chiesto il rinvio a giudizio per il pediatra che visitò il piccolo e l’udienza-Gup si terrà il 17 luglio. Il servizio sul link Sicilia News…

Approderanno al vaglio del Gup del Tribunale di Trapani all’udienza preliminare del prossimo 17 luglio le ipotesi accusatorie formulate dalla Procura della Repubblica di Trapani nei confronti di uno specialista pediatra, in relazione al decesso di un bimbo di soli 5 anni.

A chiedere giustizia i genitori del piccolo, di nome Giorgio, che hanno affidato la rappresentanza legale all’avvocato Massimiliano Fabio, del foro di Patti, affinché vengano accertate le responsabilità della terribile tragedia che li ha colpiti. Una vicenda sconvolgente, consumatasi in pochi giorni nel giugno 2023, quando la madre riferì al pediatra di fiducia della famiglia, residente nel capoluogo trapanese, i sintomi accusati dal figlio.

Il medico, a seguito di ripetute sollecitazioni e dopo un colloquio telefonico nel quale aveva consigliato la somministrazione di un integratore in gocce, a fronte dell’insistenza della madre ha sottoposto il bambino ad una fugace visita ambulatoriale che, nonostante le condizioni di astenia, scarsa vigilanza e stato soporoso del piccolo, si concluse con la diagnosi di una comune gastroenterite, somministrazione della relativa terapia medica e ripetute garanzie ai familiari che la situazione fosse nella normalità.

A circa 24 ore dalla visita Giorgio si è aggravato ed i genitori lo hanno immediatamente affidato alle cure del pronto soccorso dell’ospedale “Sant’Antonio Abate” di Trapani dove il bambino fu operato d’urgenza con diagnosi di “Appendicite acuta con peritonite”.

Trasferito in rianimazione presso l’Ospedale dei Bambini “Di Cristina” di Palermo, con diagnosi post-operatoria di “Occlusione Intestinale da appendicite acuta perforata gangrenosa con ascesso pericecale e peritonite diffusa e stato settico”, il piccolo morì il 29 giugno, tre giorni dopo la visita ambulatoriale. I genitori hanno scelto di donare gli organi ma proprio per la gravità delle infezioni, hanno ricevuto successivamente il diniego dei sanitari.

L’avvocato Massimiliano Fabio, difensore dei genitori, ha quindi presentato un articolato esposto per chiedere l’accertamento delle responsabilità. Il responso della perizia affidata ad un collegio di medici esperti cui era stato affidato incaricato dal sostituto procuratore di Trapani Antonio D’Antona escludendo censure sull’operato dei sanitari delle strutture ospedaliere, sia di Trapani che di Palermo, ha consentito di formulare il capo d’imputazione per omicidio colposo o lesioni personali in ambito sanitario nei confronti del pediatra di libera scelta, per aver omesso cautela, scrupolo, attenzione e diligenza nelle cure prestate al minore, dopo che i genitori richiedevano allarmati il suo intervento, mostrando un atteggiamento di insofferenza nei confronti dei timori manifestati dagli stessi, non interpretando correttamente la sintomatologia e senza sottoporre il piccolo ad ulteriori ed approfonditi accertamenti. Ipotesi espresse nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pm, sulla quale è dunque chiamato a pronunciarsi il Gup.

L’avvocato Massimiliano Fabio dichiara: «La scrupolosa attività di indagine ed una ben fatta e compiuta consulenza tecnica composta da un Collegio di esperti ha ritenuto l’esistenza di gravissimi profili di responsabilità in capo al sanitario. Ciò non ristora minimamente la famiglia da un vuoto disumano ed oltre il limite del sopportabile ma è sicuramente un segno di giustizia positivo nella speranza di evitare che altri bambini possano trovarsi in situazioni analoghe. È assurdo che nel 2024, con gli strumenti di prevenzione ed accertamento di una malattia comune che viene accompagnata da una sintomatologia chiara, possa ancora oggi morire di appendicite un bambino di 5 anni”.

              Rachele Liuzzo

Edited by, venerdì 24 maggio 2024, ore 12,24. 

(Visited 287 times, 1 visits today)