Calcio: Promozione (ultima giornata). Rosmarino promossa. Aluntina, clamorosa salvezza

Si è concluso il Girone B del campionato di Promozione con la 26a e ultima giornata. La Rosmarino approda, storicamente, per la prima volta in Eccellenza battendo il Città di Galati. Ai playoff vanno Mistretta (direttamente in finale del girone), Gioiosa e Aquila Bafia. Clamorosa salvezza per l’Aluntina, il playout sarà Santangiolese-Atletico Messina, la Nuova Azzurra è retrocessa. Risultati, classifica finale, verdetti, classifica marcatori, numeri e i servizi…

PROMOZIONE SICILIA- GIRONE B

Risultati 26a giornata (13a e ultima di ritorno)

Aluntina-Atletico Messina-4-1

(a Fondachelli Fantina c.n.) Aquila Bafia-Nuova Rinascita-3-1

Gioiosa-Pro Mende-1-0

Lascari Cefalù-Santangiolese-5-2

Mistretta-San Fratello-2-1

(a S.Agata Militello c.n.) Rosmarino-Città di Galati-5-1

Valle del Mela-Nuova Azzurra-1-1

CLASSIFICA FINALE

Rosmarino 60 punti;

Mistretta 59;

Gioiosa 50;

Aquila Bafia, Lascari Cefalù 41;

Città di Galati 36;

Nuova Rinascita Patti, Valle del Mela Giammoro 32;

San Fratello 31;

Pro Mende Santa Lucia del Mela 30;

Aluntina, Santangiolese 29;

Atletico Messina 22;

Nuova Azzurra Barcellona P.G. 10 punti.

Santangiolese 3 punti in meno di penalizzazione

VERDETTI

Il ROSMARINO è promosso in Eccellenza

Ai playoff vanno 2a, 3a e 4a classificata (la quinta, il Lascari Cefalù, è esclusa per la differenza sfavorevole negli scontri diretti con la quarta, l’Aquila Bafia e lo svantaggio di -18 punti dal secondo posto)

PLAYOFF PRIMO TURNO

Il MISTRETTA passa direttamente alla finale del Girone B

Semifinale: GIOIOSA-AQUILA BAFIA (il Gioiosa passa in finale, giocando in casa, anche con il pareggio; l’Aquila Bafia dovrà solo vincere. In caso di pareggio al 90’, si giocheranno i tempi supplementari).

PLAYOUT (terz’ultima contro penultima)

SANTANGIOLESE-ATLETICO MESSINA (si gioca a Sant’Angelo di Brolo. La Santangiolese si salva anche con un pareggio, l’Atletico Messina dovrà solo vincere. In caso di pareggio al 90’, si giocheranno i tempi supplementari).

La NUOVA AZZURRA è retrocessa in Prima Categoria

———————————————————–

CLASSIFICA CANNONIERI (Top 5)

SANTO SALERNO (foto sotto) (Mistretta) 35 gol

DANNY MOCCIARO (Lascari Cefalù) 24;

OUSMANE BALDE (Gioiosa) 21;

EMANUELE SERIO (Città di Galati) 14;

TINDARO CALABRESE (Rosmarino) 14 gol.

Migliore attacco: ROSMARINO (60 gol segnati)

Migliore difesa: MISTRETTA (21 gol subiti)

———————————————————————-

ROSMARINO-CITTA’ DI GALATI-5-1

Marcatori: 6’ Protopapa, 14’ Calabrese, 19’ Arcuri, 30’ Calabrese (rig.), 35’ Iuculano, 42’ Calabrese

Rosmarino: Paterniti (70’ Di Pane), Galati (77’ Paone), Zingales, Rai (79’ Giuttari), Ghirardi, Lanza, Frisenda, Bellamacina (67’ Giacomo Bontempo), Calabrese, Iuculano, Arcuri (58’ Cangemi). Allenatore: Tomasi.

Città di Galati: Bontempo I, Giuseppe Truglio, Cicero, Isidoro Truglio, Matteo Serio, Venuto, Bontempo II, Basilio Campisi, Emanuele Serio (82’ Virgilio), Protopapa, Diego Vicario. Allenatore: Calogero Vicario.

Arbitro: Quattrotto di Messina.

GIUSEPPE LAZZARO, da Gazzetta del Sud

La festa della Rosmarino (foto di Calogero Germanà)

Rosmarino, è qui la festa! In due anni un piccolo centro di poco più di mille anime, Militello Rosmarino, passa dalla Prima Categoria in Eccellenza e la cornice, per i tifosi, è quella del “Biagio Fresina” di Sant’Agata Militello dove i granata hanno giocato, in campo neutro, le gare della seconda parte di una stagione memorabile caratterizzata dal numero 60: tanti i punti conquistati in classifica (19 vittorie, 3 pareggi, 4 sconfitte), tanti i gol segnati per il migliore attacco e Tindaro Calabrese, ancora una volta, il più prolifico (14 gol con la tripletta di ieri). Il Città di Galati, già salvo e tranquillo e con un brillante sesto posto finale e formato tutto da elementi locali, se l’è giocata a viso aperto tanto da andare in vantaggio al 6’ con Protopapa. I brividi sulla schiena dei tifosi militellesi sono durati, pero, 8’ visto che, al 14’, Calabrese impattava e, al 19’ Arcuri operava il sorpasso. Non solo: alla mezzora Bontempo II salvava con la mano sulla linea un gol sicuro ma scattava il cartellino rosso e il conseguente rigore trasformato da Calabrese. Gli ospiti, in inferiorità numerica, si disunivano subendo gli altri due gol nel finale di tempo da Iuculano e ancora il micidiale Calabrese. Nella ripresa gioco tranquillo e non accadeva più nulla. Al triplice fischio di Quartotto si scatenava la festa in campo e sulle tribune (vietata l’invasione di campo, i cancelli sono rimasti chiusi). I giocatori hanno indossato un t-shirt bianca con la scritta “Benvenuta sua maestà Eccellenza” e venivano chiamati dallo speaker uno ad uno in Nba-style. La festa si è poi spostata in paese sino a notte fonda.

MISTRETTA-SAN FRATELLO-2-1

Marcatori: 41’ Praticò, 50’ Di Giovanni, 64’ Gagliano

Mistretta: Compagno, Sulay, Scarito, Di Giovanni, Tarantino, Lipari, Belbruno, Gagliano, Antista, Mineo, Tranchita. Allenatore: Filetto.

San Fratello: D’Amico, Regina, Mammana, Segreto, Ditale, Marino, Praticò, Giordano, De Gregorio, Vergara, Milia. Allenatore: Reale.

Arbitro: Venuto di Messina.

Gi.La., da Gazzetta del Sud

Una formazione del Mistretta

Con un pizzico di amarezza il Mistretta chiude la stagione regolare con un eccellente cammino (18 vittorie, 5 pareggi, 3 sconfitte, migliore difesa con 21 reti al passivo) al secondo posto e solo ad un punto dalla promozione diretta e, by-passando il primo turno, si prepara per i playoff dove, fra due settimane, al “Salvatore Lentini”, affronterà per la finale del Girone B, la vincente di Gioiosa-Aquila Bafia che serve da apripista per la semifinale regionale contro la vincente dei playoff del Girone A e la cui vincente giocherà la finale per l’altra promozione contro chi uscirà vincitore dai playoff Gironi C e D. Il San Fratello, già tranquillo, ha chiuso la stagione a testa alta e, anzi, ha messo i brividi ai biancazzurri di casa passando in vantaggio al 41’ con un diagonale di Praticò. Senza Santo Salerno (capocannoniere siciliano con 35 reti), la reazione nella ripresa. Al 50’ corner di Tarantino e il difensore Di Giovanni (tra i top del torneo nel reparto) insaccava di testa per il pareggio. Il sorpasso al 64’ con l’interessante centrocampista Gagliano a segno in mischia. Nel finale possesso palla da ambo le parti e conclusione con il pensiero rivolto alla post season per la compagine allenata da Andrea Filetto che vuole giocarsi la chance di approdare, per la prima volta in Eccellenza, sino alla fine.

LE ALTRE PARTITE, di g.l.

L’Aluntina festeggia la salvezza con i tifosi

Detto delle due big, ecco il resto dell’ultima giornata. L’unica semifinale playoff vedrà di fronte il Gioiosa, che ha giocato sul ritrovato campo di casa dopo una stagione a Brolo, battendo di misura la già salva Pro Mende con il gol dello sloveno Rudonja al 15’ e l’Aquila Bafia che, sul campo neutro di Fondachelli Fantina, ha la meglio sul Lascari Cefalù (esclusa dai playoff e delusione della stagione) in virtù degli scontri diretti favorevoli. Gli aquilotti hanno superato la Nuova Rinascita Patti (buon campionato ma poteva andare meglio senza uno scellerato finale) grazie all’argentino Di Santoro al 12’, Princi al 21’ e Lo Presti all’82’ mentre per i bianconeri in gol nel recupero Antonuccio al 91’. Al Lascari Cefalù non basta la scorpacciata di reti sulla Santangiolese (che scivola nei playout) con le doppiette di Cangelosi (10’, 46’), il vice capocannoniere del torneo Mocciaro (16’, 80’) e Zangara al 40’; ospiti in gol con Todaro (28’) e Francesco Spinella (70’) che chiude a 13 reti.

Per i playout incredibile epilogo: infatti l’Aluntina si salva e va dentro la Santangiolese che paga i 3 punti di penalizzazione subiti per il caso-Monte. Al “Margherita di Navarra” di San Marco d’Alunzio” festa grande per la matricola del presidente Emanuele Monici che brinda alla salvezza ed evita il playout surclassando l’Atletico Messina già certo di giocare lo spareggio da penultima, fuori casa (avverrà con la Santangiolese). Aluntina che può festeggiare la permanenza diretta in virtù degli scontri diretti a favore rispetto alla Santangiolese. Doppietta dell’argentino Tarditti (27’, 44’) e gol di Marco Lunghitano (32’) e dell’altro argentino Facundo (75’) per i padroni di casa mentre per i messinesi aveva dimezzato Cuscinà (42’). Infine a Giammoro (frazione di Pace del Mela) parità tra Valle del Mela e Nuova Azzurra tra una squadra già salva e tranquilla e chi è retrocesso direttamente: a segno Scattareggia al 23’ (per il giovane attaccante, tra le rivelazioni del torneo, i gol finali sono 10) e l’esperto Chillari al 65’.

Edited by, lunedì 15 aprile 2024, ore 18,50. 

(Visited 556 times, 1 visits today)