Ucciso a coltellate nell’agrigentino durante una lite: un fermato. Terzo omicidio in Sicilia in pochi giorni

Un altro fatto di sangue, un altro omicidio che scuote la Sicilia in questi giorni di festa. Dal femminicidio della vigilia di Natale a Marinella di Selinunte, frazione di Castelvetrano, all’uccisione appena 24 ore fa di un pensionato a Ispica: nel primo pomeriggio, a Cattolica Eraclea, in provincia di Agrigento, l’ennesimo delitto maturato per futili motivi. Vittima un muratore 51enne, Carmelo Contarini, accoltellato a morte in strada, in via Agrigento, davanti alla sua abitazione (foto in alto il luogo), durante una lite con un uomo, acuita, a quanto sembra, dal fatto che i due avessero bevuto alcolici.

Separato e padre di due figli, Contarini, dopo essere stato colpito, è finito dentro un canalone. I carabinieri hanno già portato in caserma il presunto responsabile, un pensionato di 66 anni, Giovanni Ferrera, bloccato dai militari a pochi passi dal luogo dove è avvenuto l’accoltellamento. L’uomo è stato trovato in strada mentre si stava dirigendo verso la Stazione dei carabinieri dove voleva costituirsi.

Sotto choc la piccola comunità dell’agrigentino dove tutti si conoscono. E pare che anche la vittima e il presunto assassino si conoscessero da tempo: i due erano vicini di campagna, i loro terreni erano confinanti. Adesso il 66enne, interrogato in caserma alla presenza del Procuratore capo facente funzioni di Agrigento Salvatore Vella, dovrà provare a spiegare perché sia divampata la lite e cosa sia accaduto dopo.

            Giuseppe Lazzaro

Edited by, martedì 27 settembre 2022, ore 19,03. 

(Visited 325 times, 1 visits today)